Il forum dei Drow, dei Vampiri e delle creature dell'oscurità
Oggi è dom mag 09, 2021 12:54

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar giu 08, 2010 16:16 
Non connesso
Moderatrice
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: gio nov 01, 2007 20:43
Messaggi: 1140
Località: Caras Galadhon, nei boschi d'argento di Lothlòrien...
Avrei una piccola curiosità.

E' giusto definire "Patrono" il maschio scelto come compagno prediletto della Matrona in una socetà tipica di Lolth? Il dubbio mi è sorto parlottando con un mio amico, che mi ha fatto notare che questa definizione si addice meglio ad una socetà dedicata al culto di Vhaeraun, dove sono i maschi a comandare. Nei gdr che frequento, tuttavia, è radicata l'abitudine a definire il primo maschio del casato come Illharn, patrono appunto, cosa che mi lascia alquanto perplessa. Qual'è la verità? (domanda alquanto blasfema, considerata la presenza di tanti Drow in questo forum. :look: :D )

_________________
Immagine

Dentro le vostre case per ora c'è ancora pace
Ma la voce sta urlando, ma la luna non tace
Mi dice devi amare ciò che distruggerai
Mi dice distruggi perchè amare non potrai
Mi dice mordi e fuggi, è la tua libertà
La luna che splende e urla, su questa fogna di città.


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar giu 08, 2010 19:28 
Non connesso
Moderatrice
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: mar feb 27, 2007 15:16
Messaggi: 5704
Località: Soncino (CR)
Shhh.... non farti notare :ahah:
Sì, in una società devota a Lloth, definire Illharn (Patrono) il maschio prediletto dalla Matrona è corretto.
Tra l'altro nei libri di Drizzt il termine è ampiamente usato.
Che poi il suddetto non sopravviva troppo a lungo è un altro paio di maniche :drow:
Vuoi perché le Matrone di Lloth sono tipicamente caotiche, quindi capricciose come la Dea, vuoi perché "Tenere troppo a lungo un singolo maschio in una posizione privilegiata" sa tropp di "affetto" e la Dea non lo vedrebbe di buon occhio, vuoi che proprio questo "giocattolo preferito" è il primo candidato all'altare (la Dea apprezza quando in suo nome sacrifichi ciò che ti sta più caro. Significa che il sacrificio ha un certo valore), è anche una posizione che i maschi non sono troppo entusiasti di occupare. A meno ché siano davvero in gamba e sappiano destreggiarsi bene all'interno dei giochi di potere della società di Lloth.
Un magistrale Maestro d'Arme, un Mago molto talentuoso, o un maschio che sa "farsi desiderare" senza stare troppo tempo vicino alla Matrona (anche a costo di pagare pegno della sua ira di quando in quando), può magari sopravvivere a lungo... cosa che comunque in una simile società non è comunque una garanzia.
Anche qui, un argomento simile può stimolare grandi momenti di interpretazione in ruolo e notevolissimi giochi di potere e intrigo, sempre sull'orlo dell'abisso :drow:

_________________
ImmagineSe vedi che sorrido, forse è perché ho trovato a chi dare la colpa

Miss Maglietta Birrata 2008 :clap:


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar giu 08, 2010 21:54 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun mag 31, 2010 17:28
Messaggi: 18
Sheyraen ha scritto:
Shhh.... non farti notare :ahah:
Sì, in una società devota a Lloth, definire Illharn (Patrono) il maschio prediletto dalla Matrona è corretto.
Tra l'altro nei libri di Drizzt il termine è ampiamente usato.
Che poi il suddetto non sopravviva troppo a lungo è un altro paio di maniche :drow:
Vuoi perché le Matrone di Lloth sono tipicamente caotiche, quindi capricciose come la Dea, vuoi perché "Tenere troppo a lungo un singolo maschio in una posizione privilegiata" sa tropp di "affetto" e la Dea non lo vedrebbe di buon occhio, vuoi che proprio questo "giocattolo preferito" è il primo candidato all'altare (la Dea apprezza quando in suo nome sacrifichi ciò che ti sta più caro. Significa che il sacrificio ha un certo valore), è anche una posizione che i maschi non sono troppo entusiasti di occupare. A meno ché siano davvero in gamba e sappiano destreggiarsi bene all'interno dei giochi di potere della società di Lloth.
Un magistrale Maestro d'Arme, un Mago molto talentuoso, o un maschio che sa "farsi desiderare" senza stare troppo tempo vicino alla Matrona (anche a costo di pagare pegno della sua ira di quando in quando), può magari sopravvivere a lungo... cosa che comunque in una simile società non è comunque una garanzia.
Anche qui, un argomento simile può stimolare grandi momenti di interpretazione in ruolo e notevolissimi giochi di potere e intrigo, sempre sull'orlo dell'abisso :drow:


Interessante spiegazione Ilharess...In effetti il ruolo di patrono è sempre un po' "X" direi che in questa maniera si è fatta chiarezza....

_________________
Se nasci maschio che le tue uniche parole siano sempre "A'dos quarth Ilharess"...

Ticondo jhal neithar yibin...


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar giu 08, 2010 22:11 
Non connesso
Admin di Valm Neira
Admin di Valm Neira
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: mar feb 03, 2004 12:50
Messaggi: 34273
Località: Valm Neira
Se non sbaglio Zaknafein era considerato a tutti gli effetti il patrono di casa Do'Urden (in quanto compagno(*) della Matrona) e quindi puoi prendere lui come esempio di ispirazione.
Era il Maesto d'Armi, ma anche il prediletto di Malice, con tutti i privilegi e le difficoltà che questa posizione comportava. E direi che Menzoberranzan può essere considerata una città monoteistica devota a Lloth (gli altri culti sono repressi con la violenza e nel sangue), quindi questo risponde alla tua domanda.

(*) Il concetto di Matrimonio cosi come noi lo intendiamo per i drow non esiste. Le femmine nobili scelgono il loro compagno maschile (protettore di casata o patrono) fin quando serve alla Matrona e la soddisfa o fin quando la Matrona non decide di trovarsene un altro; per quanto riguarda i drow non nobili invece il matrimonio e` una cosa effimera, che solitamente dura pochi mesi o anni.

_________________
Immagine
Siamo simili in molti modi, tu ed io. C'è qualcosa di oscuro in noi. Oscurità, dolore, morte. Irradiano da noi. Se mai amerai una donna, Rand, lasciala e permettile di trovare un altro uomo. Sarà il più bel regalo che potrai farle.
Che la pace favorisca la tua spada. Tai'shar Manetheren!


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar giu 08, 2010 22:28 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer lug 27, 2005 11:06
Messaggi: 5033
Località: Togarini
il patrono è il maschio più IN del casato, solitamente il più vecchio perché più esperto degli altri in quello che deve fare,ma non è detto che uno più giovane non ne possa prendere il posto se ha talento

_________________
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Membro non-morto E fondatore della Frangia Anti-4th


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mer giu 09, 2010 02:30 
Non connesso
Moderatrice
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: mar feb 27, 2007 15:16
Messaggi: 5704
Località: Soncino (CR)
Intanto Nalgûn 'Itth permettimi di offrirti il mio benvenuto.
Sono una latitante cronica nel topic dei "benvenuto" (cosa cui dovrò porre rimedio, lo confesso :goccia: ) ed è una cosa di mi scuso. È però un piacere incrociare gente che appunto non si ferma sulla soglia, ma si tuffa a capofitto nella vita di Valm e si dimostra così interessata alla cultura drow :Sorrisone:

Fatta questa doverosa parentesi, torno in argomento :)
Il gattaccio dice bene: Zaknafein, patrono di casa Daermon N'a'shezbaernon (conosciuta come Casata Do'Urden), è l'esempio più lampante.
Maestro d'Arme invidiatissimo in Menzoberranzan (quando riprenderò a scrivere i dettagli della città lo scopriremo insieme) era una pedina molto preziosa per Malice. Ogni Casata rivale avrebbe voluto avere tra le sue fila un simile talento nel campo militare, un vero gioiello prezioso per Casa Do'Urden.
Ora, non vorrei fare spoiler perché sebbene la saga di Drizzt sia tanto conosciuta e una pietra miliare per chi ama i drow, non tutti l'hanno letta e alcuni vi si avvicinano solo ora.
Per cui, se non l'avete letta, non aprite lo spoiler che metto di seguito per non rovinarvi il piacere di conoscere la storia direttamente dalla penna di Salvatore.

Spoiler: Visualizza


Per quanto comunque un maschio possa risplendere per talento e valore, una Matrona devota a Lloth non si legherà MAI a lui soltanto. Non concederà mai a un maschio il privilegio di sapere che è "unico" o "superiore ad altri" ma lo terrà sempre sospeso su un filo, sempre all'erta, sempre nel dubbio di poter essere rimpiazzato in qualsiasi momento.
Solo così potrà ottenere il massimo da lui, perché lo spingerà in questo modo a eccellere pur di mantenere la posizione, seppur precaria, duramente guadagnata.
Mai una certezza, mai troppa soddisfazione per non nutrire troppo l'orgoglio. Gli equilibri in una società drow si ridisegnano istante dopo istante secondo le inconsistenti e capricciose leggi del caos e a ogni drow è dato il compito di interpretarle, o imparare a interpretarle, per sopravvivere.
E' il concetto di "eccellenza di razza" che si intreccia alle mille e più sfaccettature della complicata psicologia drow.

Anche il possibile "rimpiazzo più giovane" di cui parla Ravenard, si trova a partecipare a questa danza. Nel momento in cui un maschio minaccia un altro maschio, sono mille e più i fattori che entrano in gioco: magari al maschio più anziano sta più che bene l'essere rimpiazzato in un determinato momento, in modo da non essere troppo sotto i riflettori perché magari è invischiato in qualche piano non propriamente lecito (è la via dei drow in fondo)
Oppure l'intromissione di un altro maschio può indurre a vendette trasversali. Di certo un drow smaliziato, che è salito tanto in alto da essere oggetto dell'interesse di una Matrona, non è avversario facile o comodo.
Nonostante nessuno dei drow disdegni una buona dose di lussuria, sono davvero pochi quelli abbastanza audaci (o incoscienti) da volersi avvicinare tanto addirittura a una Matrona.
Serve una buona dose di autoconsapevolezza e sicurezza, perché una Matrona drow, se è diventata tale, di fatto fa paura. Ha potere, è imprevedibile e capricciosa, è rispettata e temuta da una schiera di servitori, spie, schiavi che non sempre può essere misurata. Ed è soprattutto devota a una Dea che è Maestra incontrastata di intrigo e caos.
Insomma, detta in modo facile, ci vogliono davvero tanti attributi per rischiare così tanto :wink:

Buona fortuna a chi intraprenderà (sempre contro la propria volontà, è chiaro!) la strada di Patrono in una casata devota a Lloth :drow:

_________________
ImmagineSe vedi che sorrido, forse è perché ho trovato a chi dare la colpa

Miss Maglietta Birrata 2008 :clap:


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mer giu 09, 2010 14:22 
Non connesso
Moderatrice
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: gio nov 01, 2007 20:43
Messaggi: 1140
Località: Caras Galadhon, nei boschi d'argento di Lothlòrien...
Uh... anch'io latito nella sezione del Benvenuto ai nuovi utenti, chiedo venia. :D

E ringrazio di cuore tutti quelli che hanno risposto alla mia domanda, siete stati chiarissimi! :d

_________________
Immagine

Dentro le vostre case per ora c'è ancora pace
Ma la voce sta urlando, ma la luna non tace
Mi dice devi amare ciò che distruggerai
Mi dice distruggi perchè amare non potrai
Mi dice mordi e fuggi, è la tua libertà
La luna che splende e urla, su questa fogna di città.


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: sab ago 21, 2010 10:32 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: ven ago 20, 2010 05:58
Messaggi: 74
Località: Roma
Non prendere la parola in se per sè.. alla lettera dà idea di qualcosa di importante, cioè magari lo è per quel lasso di tempo, in cui, la femmina volubile è interessata.

Ma il patrono è una facciata.. anche i suoi stessi figli sono più importanti di lui, è come per far vedere che in qualche modo i maschi servono, è un contentino, ma alla fine sono come degli oggetti, una volta inutili o rotti vengono buttati.


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: lun ago 23, 2010 11:41 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
In rapporto alle femmine dominanti, è vero.
Ma in rapporto al resto della popolazione, il Patrono è senza dubbio un'autorità, per quanto precaria.

Le comunità drow non sono solo volitive sacerdotesse, potenti maghi e indomiti guerrieri. Ci sono anche gli artigiani, i commercianti, e quelli che spalano la popò :sisi: :P

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: lun ago 23, 2010 16:17 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: ven ago 20, 2010 05:58
Messaggi: 74
Località: Roma
Sai che onore prendersela con uno spala popò.. :D

Il patrono non è scemo.. gli può dare per un'attimo esaltazione quella di prendersela con uno di loro, ma poi subentra la sua frustrazione di sempre, ritorna a casa col rischio di essere pestato a sangue se ad una prima sacerdotessa gli gira così.. che allegria..

Io nel romanzo della trilogia degli elfi non mi ricordo proprio del patrono di casa che parlava.. i figli potevano permetterselo di farlo, erano sangue della matrona, sempre con le dovute maniere ghghg ma il patrono proprio se dicesse una delle cose delle figlie o figli sarebbe stato impalato seduta stante.


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar ago 24, 2010 02:46 
Non connesso
Moderatrice
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: mar feb 27, 2007 15:16
Messaggi: 5704
Località: Soncino (CR)
Non sono d'accordo.
Una Matrona che sia degna di tale nome, non sceglie il Patrono solo in base alla rotondità del suo fondoschiena.
E' quello con cui decide di mettere al mondo parte della prole (non sarà l'unico certo, non sarà eterno, ma per un certo periodo assume un ruolo importante) e viene solitamente scelto tra i maschi più talentuosi in qualsiasi arte, che sia quella di guerriero o mago, o altro.
Di certo gioca un suo ruolo anche l'attrazione, che però è volubile e sottomessa al pragmatismo tipicamente drow.
Nella trilogia degli elfi scuri, l'unico patrono che ricordo è Zaknafein Do'Urden.
E non era di certo trattato con poco rispetto, visto che era il più grande e imbattuto, nonché invidiato Maestro d'Arme di Menzoberranzan.
Il fatto che nei romanzi non fosse sviluppata la parte in cui lui diceva la sua (e parliamone: ha praticamente scelto lui la strada per Drizzt... ruolo che spetta strettamente alla Matrona!) è dovuto a due cose:
1) Lui stesso si teneva il più possibile lontano dalla vita politica della Casata (saggio maschio!) preferendo passare le sue giornate in addestramento dei guerrieri di Casa Do'Urden.
2) Non tutto viene dettagliato nei romanzi. C'era già tanta carne al fuoco di cui parlare, la prima volta in pratica che si affrontava lo sviluppo di una razza che a tutti gli effetti all'epoca appariva nel Manuale dei Mostri, e sebbene con il senno del poi Zaknafein è risultato un personaggio estremamente carismatico, meritevole di approfondimento, al momento in cui furono scritti i romanzi era di fatto un personaggio secondario.
Attenzione però: secondario nel romanzo, non nella Casata.

_________________
ImmagineSe vedi che sorrido, forse è perché ho trovato a chi dare la colpa

Miss Maglietta Birrata 2008 :clap:


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar ago 24, 2010 10:31 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer lug 27, 2005 11:06
Messaggi: 5033
Località: Togarini
mi domando Dyrr se sia stato un patrono prima di diventare il boss del quarto casato

_________________
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Membro non-morto E fondatore della Frangia Anti-4th


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar ago 24, 2010 12:55 
Non connesso
Moderatrice
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: mar feb 27, 2007 15:16
Messaggi: 5704
Località: Soncino (CR)
Questo non lo so in effetti.
Potrebbe benissimo essere, ma non ho letto nulla a riguardo.

_________________
ImmagineSe vedi che sorrido, forse è perché ho trovato a chi dare la colpa

Miss Maglietta Birrata 2008 :clap:


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar ago 24, 2010 17:05 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: ven ago 20, 2010 05:58
Messaggi: 74
Località: Roma
Sheyraen ha scritto:
Non sono d'accordo.
Una Matrona che sia degna di tale nome, non sceglie il Patrono solo in base alla rotondità del suo fondoschiena.
E' quello con cui decide di mettere al mondo parte della prole (non sarà l'unico certo, non sarà eterno, ma per un certo periodo assume un ruolo importante) e viene solitamente scelto tra i maschi più talentuosi in qualsiasi arte, che sia quella di guerriero o mago, o altro.
Di certo gioca un suo ruolo anche l'attrazione, che però è volubile e sottomessa al pragmatismo tipicamente drow.
Nella trilogia degli elfi scuri, l'unico patrono che ricordo è Zaknafein Do'Urden.
E non era di certo trattato con poco rispetto, visto che era il più grande e imbattuto, nonché invidiato Maestro d'Arme di Menzoberranzan.
Il fatto che nei romanzi non fosse sviluppata la parte in cui lui diceva la sua (e parliamone: ha praticamente scelto lui la strada per Drizzt... ruolo che spetta strettamente alla Matrona!) è dovuto a due cose:
1) Lui stesso si teneva il più possibile lontano dalla vita politica della Casata (saggio maschio!) preferendo passare le sue giornate in addestramento dei guerrieri di Casa Do'Urden.
2) Non tutto viene dettagliato nei romanzi. C'era già tanta carne al fuoco di cui parlare, la prima volta in pratica che si affrontava lo sviluppo di una razza che a tutti gli effetti all'epoca appariva nel Manuale dei Mostri, e sebbene con il senno del poi Zaknafein è risultato un personaggio estremamente carismatico, meritevole di approfondimento, al momento in cui furono scritti i romanzi era di fatto un personaggio secondario.
Attenzione però: secondario nel romanzo, non nella Casata.


Mi spiace ma il patrono nella Trilogia non era più Zacknafein.. lui era il maestro d'armi del casato, fu patrono..

Nell'epoca della trilogia era un'altro il patrono di casa Do'urden, che mi sfugge il nome.. oltretutto essendo lui patrono, e quindi teoricamente il padre dei figli a venire.. si sa invece che Drizzt era figlio di Zack.. quindi per il patrono doppia pugnalata :P

E ti dirò di più, fu "declassato" da patrono, proprio per il suo essere conformista, tutti nel casato sapevano come la pensava del suo e del loro mondo, ma essendo uno dei guerrieri più forti della città era utile alla causa, vedi come quando lo mandano da solo ad affrontare la matrona e le sacerdotesse Hun'ett ;)

se non era quello che era, aveva già fatto una finaccia molto prima :P


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: La figura del "patrono"
MessaggioInviato: mar ago 24, 2010 17:27 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: ven ago 20, 2010 05:58
Messaggi: 74
Località: Roma
Ravenard ha scritto:
mi domando Dyrr se sia stato un patrono prima di diventare il boss del quarto casato


Per quanto riguarda Dyrr lui era (visto che è schiattato) fratello della "Matrona" (tra virgolette, perchè il regnante era lui) del casato.. e figlio della precedente, quindi teoricamente non può essere stato patrono.


Top
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group  
Design by Muzedon.com  
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010