Il forum dei Drow, dei Vampiri e delle creature dell'oscurità
Oggi è gio mag 13, 2021 11:23

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: I vichinghi
MessaggioInviato: lun nov 22, 2004 19:52 
Non connesso
Equilibrio Precario
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun giu 28, 2004 21:40
Messaggi: 1917
Località: Midgard
Anke se nn è molto....proverò ad ampliare il discorso! :d




                              I Vichinghi popolo di mare


Ancora più a Nord, nelle fredde terre della Danimarca e della penisola scandinava, genti indurite dal gelo, costrette a vivere tra un entroterra ghiacciato e montuoso (come per i Norvegesi) e il mare che filtrava entro strette e profonde insenature (i “fiordi”), in terre inospitali e prive di risorse, o continuamente minacciati da bellicosi nemici confinanti (come accadde per i Danesi), videro proprio in mezzo alle gelide e scure acque dei mari del Nord aprirsi per loro la strada verso la sopravvivenza; e nel VII - VIII secolo d. C. questi uomini cominciarono a seguirla sfidando il mare, disposti a qualsiasi sacrificio e animati da una profonda fiducia nella propria forza. In quei viaggi, che si svolgevano nell’unico periodo in cui era possibile la navigazione, l’estate, molti si persero inghiottiti dall’oceano con i loro scafi di legno, di cui divennero abilissimi costruttori (si pensi alle loro navi da guerra, gli skeid, noti anche come drakkar, imbarcazioni agili e robuste insieme), ma altri giunsero a destinazione. Dove questo accadde, come ad esempio nelle coste orientali dell’Inghilterra e della Scozia, la lotta per la sopravvivenza si trasformò spesso in crudele guerra di conquista, e di lì in violenza, saccheggio e sopraffazione senza alcun rispetto per i vinti.

Accadde però anche che nei loro viaggi essi si spinsero a settentrione in regioni quasi completamente disabitate, fondando in esse crescenti insediamenti di coloni, come avvenne in Islanda e perfino nella remota Groenlandia (la “terra verde”, così chiamata dai primi Vichinghi che la raggiunsero per la prima volta d’estate, quando il suo suolo era reso verde dalle praterie erbose che lo ricoprivano). E di là un giorno le forti correnti atlantiche spinsero la piccola flotta del normanno Bjarni nel 986 d. C., che vi aveva cercato invano un approdo, verso occidente per alcuni giorni, finché egli non avvistò in direzione del tramonto una striscia scura all’orizzonte: così mezzo millennio prima di Cristoforo Colombo alcune navi vichinghe raggiunsero per caso le coste del Nuovo Continente.

Oggi però si attribuisce la prima esplorazione del nuovo continente al norvegese Leif Ericson, che intorno all’anno mille, partito dalla Groenlandia si diresse verso Sud-Ovest fino ad avvistare le coste di quella che fu definita Terra di pietre (l’isola di Terranova), e successivamente si spinse verso Sud lungo la costa sbarcando prima in una regione boscosa (l’odierna Nova Scotia) denominata Terra degli Alberi, poi sull’Isola di Nantucket al largo della punta orientale del Massachusetts, su cui crescevano spontaneamente piante di vite e per questo essa fu denominata Vinland (Terra del Vino).

A tutt’oggi l’unica traccia degli approdi Vichinghi nell’America del Nord pare essere una lapide con iscrizioni in caratteri runici trovata in una fattoria presso Kensington nel Minnesota, sulla cui autenticità si discusse a lungo, convenendo che la posizione del ritrovamento e la precisione con cui erano stati usati il linguaggio e la scrittura antichi, erano tali da rendere assai meno probabile che qualcuno nel XIX secolo avesse potuto realizzare un falso simile, del fatto che i Vichinghi si fossero spinti fin là nelle loro migrazioni.



I Vichinghi e l’osservazione del cielo

Non si hanno testimonianze scritte di un ipotetico interesse dei Vichinghi, popolo dedito, per la sua stessa storia, alle questioni di carattere pratico assai più che alle discipline speculative. Tuttavia si può ben immaginare come essi, essendo navigatori, e non essendo dotati di bussola, avessero necessità di orientarsi nel loro viaggiare per mare; a tal fine occorreva che essi conoscessero i moti del Sole e sapessero dedurre dalla sua posizione le direzioni dei punti cardinali e la latitudine, mentre non ci si può aspettare da essi una altrettanto buona conoscenza del cielo stellato in quanto, come si è detto, essi viaggiavano d’Estate e si sa che in tale stagione alle elevate latitudini le ore di luce superano di molto quelle di oscurità (al Polo Nord si hanno sei mesi continui di luce), e la notte di fatto è un lungo crepuscolo in quanto il Sole non scende di molto al di sotto dell’orizzonte. Si può comunque ipotizzare che essi utilizzassero, quando le condizioni del cielo notturno lo permettevano, anche l’altezza della stella polare sull’orizzonte per dedurre la latitudine. Si ritiene anche che essi molto probabilmente, per dedurre la posizione del Sole anche quando era celato alla vista da nubi o dalla nebbia, il che accadeva non di rado, osservassero il cielo attraverso frammenti di un minerale, la calcite o Spato d’Islanda, che ha particolari proprietà ottiche di polarizzazione della luce.



La Cosmogonia e l’“Edda” in prosa

L’immagine del Cosmo che la fantasia dei Vichinghi costruì, non poteva certo essere un modello dettagliato, costruito su basi matematiche o sostenuto da un solida e razionale filosofia della natura; essi erano un popolo semplice, spesso impegnato ad affrontare una natura crudele che gli sottoponeva problemi pratici e tecnici. La cosmologia norrena è contenuta nella mitologia tradizionale, gran parte della quale fu raccolta e “tessuta” dal poeta islandese del XIII secolo Snorri Sturlusson, in un poema, l’“Edda” (genitivo di Oddi, nome della località del Sud-Ovest dell’Islanda, in cui egli visse. In particolare nella sua versione in prosa (l’“Edda prosastica”), viene narrata la storia dell’origine del mondo, una storia complessa, composta di un succedersi di eventi accostati l’uno all’altro come tessere di un mosaico e quasi sempre privi di una giustificazione logica, come se la parola “perché?” non esistesse nel vocabolario vichingo.

Agli inizi c’era l’abisso, il Ginnungagap, “l’abisso degli abissi”, esso era composto di una Casa della Nebbia, o Niflheim, e di una casa dei Distruttori, o Muspellheim, contrapposte in quanto l’una era gelida e l’altra (Muspellheim) era infuocata e fiammeggiava lanciando scintille intorno. Al centro di Niflheim c’era la sorgente di tutte le acque, e da una delle correnti che uscivano da essa schizzarono alcuni frammenti di ghiaccio che si unirono formando Ymir, il capostipite della razza dei Giganti di Ghiaccio, da lui stesso generati per partenogenesi. Ymir era nutrito da Audhumla, una vacca sacra, che a sua volta si nutriva della brina sulle rocce, ed un giorno da questa spuntarono dei fili d’erba che a poco a poco, mentre Audhumla si cibava del ghiaccio soprastante, si rivelarono essere i capelli di un uomo, il primo uomo, Buri. Egli poi si accoppiò (non si sa con chi) e generò Bor, che a sua volta sposò una gigantessa e generò tre figli: Odino, Vili e Ve. Essi uccisero Ymir colpendolo alla testa; Ymir morendo cadde e perse tanto sangue da annegare tutta la progenie dei Giganti di Ghiaccio, con la sola eccezione di uno, Bergelmir, che si salvò su di una “arca” (si pensi all’Arca del diluvio universale). Il cadavere di Ymir servì ai tre fratelli suoi uccisori per creare il mondo: la sua carne formò la terra, le sue ossa le rocce, il suo sangue i mari e i laghi. Infine i tre figli di Bor «presero il fuoco di Muspellheim e le sue faville e li lanciarono in cielo a formare il Sole, la Luna e le stelle, alcune delle quali fisse ed altre in moto rispetto alle prime...».






LA MITOLOGIA VICHINGA
La mitologia vichinga, quella dei paesi del nord Europa, è da sempre fonte infinita di ispirazione per il fantasy e per la letteratura in generale. Molti motivi sono tradotti dalla cultura germanica e riguarda prevalentemente divinità, eroi e l’eterna lotta tra il bene e il male.




LA GUERRA

La guerra ha un ruolo centrale nella mitologia vichinga, gli uomini diventano eroi soltanto se muoiono in battaglia. Molte delle storie raccontano di fanciulle guerriere (le Valchirie, scudiere di Odino), che assistono gli eroi quando non combattono, ma soprattutto vanno a raccogliere le anime degli eroi caduti in battaglia e le portano al Valhalla (un salone pieno di armi), dove gli eroi passano il loro tempo e dove banchettano insieme alle Valchirie.



L’ALBERO DELLA VITA

Nell’antichità vichinga si pensava che tutte le forme di vita fossero scaturite da una forma di vita vegetale. L’albero della vita, un frassino sempreverde posto al centro dell’universo, è chiamato Yggdrasil (cavallo di Odino, che vi rimase attaccato per nove giorni per essere ammesso al dono della saggezza delle Rune), le cui immense radici entrano profondamente nella terra. Le prime forme di credenza religiosa erano legate alla natura (la Grande Madre). Poi c’erano i Vani, divinità benevole legate alla fertilità.


LE DIVINITA’




Odino
Il dio per eccellenza delle popolazioni vichinghe era Odino (Wotan), il dio guerriero che parla in versi e che governa le Rune, l’alfabeto sacro della mitologia Scandinava (usato anticamente per i suoi poteri magici e anche come metodo di predizione degli eventi), di cui fece dono agli uomini. E' la divinità più importante in tutta la Scandinavia ed è universalmente noto come il "dio dei nordici" e dei vichinghi.

Thor
Figlio di Odino e signore del tuono (come Ercole e Zeus), fu il più popolare fra gli dei del mondo germanico. Divinità guerriera ma assai generosa (non richiedeva sacrifici umani), difendeva gli uomini dalla cattiveria del male. La sua arma era un martello magico, il Mjomnir, che colpiva e tornava nelle mani del proprietario. Viene spesso presentato insieme al crudele Loky, il dio malvagio, a testimonianza dell’inscindibilità del bene dal male.

Freya
Dea della fertilità, dell’amore e della magia. È associata anche alla Grande Madre, ai boschi, alla terra e al gatto (sacro in Egitto).

Frigg
Moglie di Odino, era la dea del focolare domestico.

Freyr
Fratello di Freya, è il dispensatore di ricchezza, fecondità e abbondanza.

ELFI, GNOMI ED EROI
Sigurd “l’ammazzadraghi”, Sava e Brunilde, le guerriere a capo delle Valchirie e Harald dal dente guerriero, erano alcuni degli eroi figli delle divinità.
C’erano poi elfi, nani, giganti, gnomi, Norn (che assegnavano i destini agli uomini), demoni, fate e maghi, tutti pronti alla battaglia e ad imprese epiche. Un mondo fatato e allo stesso tempo malvagio, magico e guerriero.

_________________
"Ecco io vedo mio padre, ecco io vedo mia madre e le mie sorelle
e i miei fratelli, ecco io vedo tutti i miei parenti defunti
dal principio alla fine, ecco ora chiamano me, mi invitano a
prendere posto tra di loro nella sala del Valhalla
dove l'impavido puo' vivere per sempre".


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun nov 22, 2004 20:08 
Non connesso
Equilibrio Precario
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun giu 28, 2004 21:40
Messaggi: 1917
Località: Midgard
Queste sono le divinità specificate meglio!

ODINO:
rappresenta la molteplicità del concetto di assoluto e di divinità.
Contiene in sé contemporaneamente ogni manifestazione della vita, egli possiede e comanda gli elementi (fuoco, vento, mare), è padrone del mondo e le pietre gli obbediscono schiudendosi davanti a lui. Penetrare la pietra significa possedere la conoscenza poiché la pietra racchiude in sé la forza feconda e creatrice delle origini della Terra.
Il suo nome, Odino è connesso con la radice wat nella quale è espresso il concetto d'ispirazione e furore. Nucleo del suo essere è una condizione di perenne possibilità piuttosto che una manifestazione materiale, egli può con facilità passare attraverso i vari stati dell'esistenza: per questo è per eccellenza dio della magia.
Probabilmente il suo culto si sviluppò in epoca tarda soppiantando altre divinità del cielo un tempo assai importanti Tyr e Ullr. Il culto di Odino ebbe il suo maggiore sviluppo nelle regioni meridionali ed orientali della penisola scandinava e si sarebbe propagato dall'area continentale.
La figura di Odino ha per molti aspetti un carattere innovatore e talvolta sconvolgente, è dotato di individualità prepotente e spregiudicata, di un temperamento ingannatore imprevedibile. Ha moltissimi appellativi, i quali non solo alludono alle diverse qualità e manifestazioni, ma servono anche a celare l'identità terribile ed inafferrabile del dio, in Odino è rappresentata la triplice manifestazione della divinità nella creazione del mondo, dove appare come creatore insieme ai fratelli Vili e Vé: E' considerato padre di tutti gli uomini, progenitore di stirpi regali, maestro e dispensatore di saggezza. Nella "Saga degli Ynglingar" è riferito che egli è maestro nell'arte della poesia, la sua voce profetica ed incantatoria possiede la magia, pertanto lo si può definire poeta e mago. Possiede il potere delle rune e la conoscenza del segreto del cosmo acquisiti con un sacrificio di carattere iniziatico in cui fu immolato a sé stesso: La qualità magica di Odino è connessa alla natura mutevole del suo essere: egli è maestro nella pratica estatica del Seior, quindi può mutare aspetto ed influire sul corso degli eventi, può essere, secondo le circostanze, benevolo o tremendo. Gran parte della sua saggezza gli è dovuta ad un sorso del liquido prezioso che scaturisce dalla fonte del gigante Mimir, per ottenere tale sorso cedette un occhio. Il suo sguardo è terrificante e paralizzante, turba e confonde chi tenti di fissarlo, sembra voler impedire all'occhio profano di cogliere l'immagine della divinità. Egli si cela, infatti, anche indossando il cappuccio ed il mantello, il suo viso è coperto da una fitta barba: così travestito compare agli uomini sotto l'aspetto di un viandante misterioso; Odino, il viandante, indica la peculiarità di attraversare il mondo dei vivi e dei morti, ma anche più concretamente l'attitudine ai viaggi commerciali che i vichinghi, seguaci del dio, praticarono accanto alle scorribande piratesche e di conquista.
Odino è il guerriero per eccellenza: combatte magicamente e si compiace della lotta, è il dio che incita alla battaglia ed è in stretta relazione con lupi e corvi, animali che si nutrono di cadaveri. Gli uomini lupo sono i suoi guerrieri e due corvi (Huginn e Munin) suoi consiglieri, egli è noto come "Signore dei corvi".
Odino è padrone della vita e della morte dei suoi sudditi, per questo è chiamato "Colui che addormenta", ed è anche il capo dei guerrieri caduti che si raccolgono nel Walhalla e che formano l'esercito infernale, questa schiera, durante alcuni periodi dell'anno, secondo il folclore norvegese, riappare camuffato con maschere di animali e rappresenta la morte che riappare sulla terra prima della rinascita.
Il fulcro di questa divinità è il suo costante rapporto con il regno dei morti, gli adepti del dio, non dovranno pertanto temere né il sacrificio, né la morte, perché attraverso questi si compie il ciclo della vita ed inizia il risveglio iniziatico. L'impiccagione, in modo particolare rappresenta la totale sottomissione al dio che dà la conoscenza, Odino è noto come "Impiccato " e " Dio degli impiccati" ed esige dedizione totale ed incondizionata dai suoi fedeli che sacrificano a lui la propria vita e quella degli altri per essergli vicino nella morte.
THOR:
è il dio del tuono e come tale molto antico, la sua figura è parallela ad altre divinità d'origine indoeuropea, il suo stesso nome significa "tuono". Nella tradizione scandinava, si afferma che il tuono sia provocato dal passaggio nel cielo del carro del dio. Il lampo, simbolo visibile del dio, insieme al tuono, concentra il potere creatore o distruttore dell'energia celeste: è fuoco, dal quale scaturisce l'acqua che feconda la terra.
L'arma che produce il tuono è il martello magico del dio che è raffigurato nell'iconografia come martello, croce uncinata o croce. Questo martello trasmette l'energia contro i demoni: così è scritto sulle iscrizioni runiche. Il potere antidemoniaco dell'arma di Thor, sconfigge i giganti che rappresentano il caos. Egli è , infatti, protettore dell'ordine stabilito e promotore della fertilità. Il culto e la venerazione di Thor, fu assai diffusa in tutto il nord, particolarmente in Islanda, dove si rifugiarono le popolazioni cacciate dal susseguirsi delle invasioni e che conservarono le più antiche tradizioni.
LOKI:
appartiene alla stirpe degli Asi, ma è una divinità ambivalente: compagno d'Odino e Thor e difensore degli dei, è nello stesso tempo demone nemico dell'ordine cosmico. Egli è mago e maestro della pratica magica del Seior, può pertanto assumere diverse forme animali. Loki, insieme ad Odino e Hoenir, fa parte di una triade divina con la quale si muove in uno spazio primordiale fuori dal tempo. L'appartenenza di Loki al mondo delle origini è suggerito dalla funzione che pare svolgere in diversi miti dove incarna il principio del male che ha inizio nelle origini stesse del mondo ed è necessario all'esistenza del cosmo che si mantiene in equilibrio su principi opposti. Loki conosce e possiede il principio del male, ma a volte è costretto a difendere e preservare il principio del bene per mantenere l'equilibrio degli opposti fino al giorno stabilito della fine del mondo.
FREYA:
appartiene alla stirpe dei Vani, è colei che insegnò agli Asi la magia. Il suo culto è testimoniato da numerosi toponimi che alludono ai luoghi in cui ella era venerata. La sua funzione è di favorire la fecondità: è dea dell'amore e della lussuria. Gli animali che la guidano e la seguono sono i gatti, animali che secondo la tradizione scandinava possiedono qualità magiche.

_________________
"Ecco io vedo mio padre, ecco io vedo mia madre e le mie sorelle
e i miei fratelli, ecco io vedo tutti i miei parenti defunti
dal principio alla fine, ecco ora chiamano me, mi invitano a
prendere posto tra di loro nella sala del Valhalla
dove l'impavido puo' vivere per sempre".


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 23, 2004 10:18 
Non connesso
Admin di Valm Neira
Admin di Valm Neira
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: mar feb 03, 2004 12:50
Messaggi: 34276
Località: Valm Neira
Bello!!!  :d

_________________
Immagine
Siamo simili in molti modi, tu ed io. C'è qualcosa di oscuro in noi. Oscurità, dolore, morte. Irradiano da noi. Se mai amerai una donna, Rand, lasciala e permettile di trovare un altro uomo. Sarà il più bel regalo che potrai farle.
Che la pace favorisca la tua spada. Tai'shar Manetheren!


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 23, 2004 11:25 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 WWW  ICQ  Profilo

Iscritto il: ven set 03, 2004 23:47
Messaggi: 8034
Località: Roma
Vediamo se sapete questa:
Nella mitologia nordica perché avvengono i terremoti? 25 punti a chi indovina  8)

_________________
https://pbs.twimg.com/profile_images/1121322043/antiK.jpg


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 23, 2004 20:25 
Non connesso
Equilibrio Precario
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun giu 28, 2004 21:40
Messaggi: 1917
Località: Midgard
Muzedon ha scritto:
Bello!!!  :d



Lo so lo so sono er mejo! :lol:  :lol:  :lol:  :d

_________________
"Ecco io vedo mio padre, ecco io vedo mia madre e le mie sorelle
e i miei fratelli, ecco io vedo tutti i miei parenti defunti
dal principio alla fine, ecco ora chiamano me, mi invitano a
prendere posto tra di loro nella sala del Valhalla
dove l'impavido puo' vivere per sempre".


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom nov 28, 2004 12:11 
Non connesso
Equilibrio Precario
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun giu 28, 2004 21:40
Messaggi: 1917
Località: Midgard
I VICHINGHI,
BARBARI DEL NORD



Un popolo predatore che invase l'Europa per fame ma rivelò caratteristiche e personalità sorprendenti





8 giugno 793: I monaci dell'isola di Lindisfarne, a nord-est dell'Inghilterra, se ne stavano tranquilli come d'abitudine svolgendo le normali attività di tutti i giorni. Stavano mettendo da parte il fieno per l'inverno approfittando della bella giornata e nulla faceva presagire quanto sarebbe avvenuto di lì a poco. Verso mezzogiorno spuntarono all'orizzonte delle navi dall'aspetto singolare che puntavano decise verso la costa; nessuno ci fece caso più di tanto poiché era normale che le imbarcazioni si fermassero sull'isola, chi per chiedere soccorso, chi per lasciare donazioni o rifornimenti, per aiutare i mansueti ecclesiastici.

Lindisfarne era infatti considerato uno dei principali luoghi di pellegrinaggio d'Inghilterra, dunque non era affatto strano vedere arrivare delle navi sconosciute. Ma questa volta era diverso. In poco tempo si scatenò l'inferno, gli occupanti delle navi irruppero a terra brandendo asce e spade, si scagliarono contro gli abitanti del luogo e li uccisero in maniera agghiacciante, senza che questi riuscissero a difendersi. La maggior parte morirono sotto i colpi della spada, alcuni però vennero atrocemente torturati, furono uccisi anche i servi del monastero e le loro famiglie, le poche donne che risiedevano sull'isola furono vittime del trattamento peggiore. Terminata la strage gli stranieri saccheggiarono tutto quello che trovarono e finalmente soddisfatti della loro spedizione tornarono da dove erano venuti. Questo racconto, probabilmente in parte "colorito" dalle cronache britanniche dell'epoca, ha un'importanza storica notevole.

Quell'8 giugno l'Europa civile fece conoscenza dei vichinghi. Da allora e per due secoli e mezzo chiunque volesse governare sul nord del vecchio continente non poté fare a meno di fare i conti con questo popolo barbaro nei costumi, ma straordinariamente progredito nelle tecniche di combattimento e di navigazione. Da allora in poi gli assalti si susseguirono a ritmo impressionante e la loro dinamica era sempre la stessa: le navi comparivano improvvisamente all'orizzonte e, prima che la popolazione potesse organizzare la benché minima difesa, i loro occupanti erano già a terra; dopo c'erano solo morte e distruzione. Gli invasori rubavano tutto ciò che poteva interessarli, donne comprese, e distruggevano il resto, poi come erano comparsi, altrettanto velocemente sparivano. Erano dei pirati contro cui non ci si poteva difendere, anche perché ci vollero circa vent'anni solo per scoprire da dove venivano.

Non esistono certezze sull'etimologia della parola vichinghi, ma la diverse ipotesi proposte coincidono nell'individuarne l'origine in qualche termine bellico o marittimo, mentre prima della comparsa del termine "vichingo" venivano chiamati Normanni, Ascomanni, gente del nord e così via: insomma dalla loro denominazione risultano evidenti due cose: che i vichinghi non erano degli stinchi di santo e che provenivano dalla Scandinavia. In effetti fino ad allora la penisola che occupa l'estremo nord dell'Europa era sconosciuta al resto del continente; essa era un pezzo di terra che stava là, si sapeva che era popolato, che era freddo e inospitale, ma a nessuno era mai venuto in mente di esplorarlo, anche perché pareva impossibile trarre qualche vantaggio da un territorio con tali caratteristiche.

Da alcuni secoli, cioè da quando emigrarono i goti, i burgundi e le altre popolazioni nord germaniche che invasero l'Europa, la Scandinavia era per così dire, fuori dalla storia. La migrazione aveva lasciato ampi territori praticamente inabitati, solo pochi villaggi, e dalle cronache non trapela nulla che lasci presagire un'invasione come quella che effettivamente avvenne. Proprio questa carenza di informazioni rende difficile capire perché si sia arrivati a questa esplosione, tanto improvvisa quanto violenta.
L'ipotesi più probabile è quella del sovrappopolamento: in quattro secoli di vita pacifica probabilmente la comunità norvegese, ma anche danese e svedese, è talmente cresciuta numericamente che le scarse risorse fornite dalla terra non bastavano per sfamare tutti: per questo un popolo che non aveva mai avuto rapporti con l'esterno decise di andare a vedere cosa trovava altrove; e quello che trovò se lo prese. La costa settentrionale della Francia, l'Inghilterra, l'attuale Benelux, la Germania ed i paesi del Baltico, ma anche la stessa Spagna, ebbero la sfortuna di essere i territori più vicini alla Scandinavia, non poterono dunque evitare di diventare il bersaglio preferito dei vichinghi.

I vichinghi erano barbari, non esiste altro modo per definirli, anzi la parola barbaro assume con essi un significato quanto mai pieno. La loro cultura era scarna, la loro lingua semplice e colorita, l'organizzazione gerarchica andava poco oltre quella della tribù, erano dei popoli organizzati in forma di villaggio, ma nonostante tutto ciò erano talmente abili nella navigazione e feroci nel combattere che sconfissero ogni loro avversario fino oltre l'anno mille. Una tale imbattibilità derivava anche dal fatto che loro non attaccavano per brama di conquista o per motivi politici, le loro invasioni erano dettate dalla necessità di approvvigionamento o per cercare terre coltivabili, erano rapine e ruberie veloci ed inattese, che terminavano con la ritirata dei vincitori. L'arabo Ibn Faldan durante un suo viaggio a Bulgar, città sul Volga che divenne uno dei principali centri del commercio dei vichinghi, ebbe modo di incontrare dei mercanti scandinavi e nelle sue memorie li descrive così: "Mai prima d'ora ho veduto uomini di complessione fisica più perfetta, essi sono alti come palme da dattero e hanno i capelli fulvi." Racconti analoghi sono piuttosto diffusi tra coloro che incontrarono i guerrieri svedesi, ma questa fama non è poi così meritata: in effetti gli studi sugli scheletri rinvenuti hanno dimostrato che i vichinghi erano sì più alti della media dell'epoca, ma la loro statura media si aggirava attorno al metro e settanta.

Inoltre il clima di provenienza non favoriva certo la perfezione fisica. Reumatismi, artrite e altre malattie causate dal freddo dovevano rappresentare una piaga non indifferente per quei popoli che non eccellevano certo nella scienza medica; noi sappiamo che i neonati deboli o malaticci venivano esposti al freddo perché morissero (similmente a quanto avveniva a Sparta), ma nonostante ciò ci sono giunti numerosi scheletri con le ossa deformate o con altre tare, dal che dobbiamo dedurre che non doveva essere semplice vivere in certe condizioni. Certo è facile immaginare che ben altro fosse l'aspetto fisico dei guerrieri che saccheggiavano le città europee: probabilmente tali scorribande erano appannaggio solo dei più forti e valorosi tra essi, anche perché nella società vichinga la forza era la massima virtù; ma l'immagine di tali combattenti non coincideva del tutto con il vero aspetto dei popoli scandinavi.

Comprendere quale fosse la struttura della società vichinga non è facile per una persona che vive in un mondo così diverso da quello. In effetti modi e usanze di quel popolo non sono sopravvissuti più di tanto e la civilizzazione ha portato dei cambiamenti significativi nei loro costumi, mentre si è del tutto persa la componente più "barbara" di quella cultura. Merita un rapido accenno la lingua vichinga, in particolare quella usata in Norvegia (ma le altre non erano molto diverse). È interessante notare il fatto che la lingua vichinga fosse figurativa all'estremo grado, procedeva per eufemismi e anacoluti, in contrasto con la rudezza di chi la parlava. Qualche esempio risulterà più chiaro di mille parole: il fuoco era il "devastatore dei boschi", le dita dei piedi "i rami del corpo", l'avambraccio "la terra dei falchi" (perché su di esso si teneva il falcone da caccia); la fantasia raggiungeva i suoi livelli più alti per i due capisaldi della società vichinga: la nave e le armi.

La prima era chiamata "cavallo marino", "fenditrice di spuma" o "destriero dell'onda", tra le armi la spada era detta "folletto dello scudo" o "ramo di sangue", mentre le frecce erano le "api feritrici". Come si vede le immagini erano le più disparate e spesso curiose, testimonianza comunque di un linguaggio piuttosto arcaico e rudimentale. Al vertice del sentire sociale vichingo c'era la forza; essa era la virtù più apprezzata ed il valore più ricercato. Una volta fu chiesto ad un guerriero nordico in cosa credesse: "Nella mia forza e in nient'altro", fu la sua lapidaria risposta". Questa citazione è indicativa del costume di quel tempo di quel tempo; l'educazione era indirizzata fin dal principio a suscitare uno spirito battagliero ed al vichingo, fin dall'infanzia, erano imposte regole severissime. Naturalmente alla base di tale educazione c'era l'esercizio fisico: nuoto, tiro dei sassi, lotta, arrampicamento sulle montagne ed altre discipline venivano praticate per molte ore al giorno, estate o inverno che fosse. Fin da ragazzo il vichingo imparava che l'uomo libero si distingueva dal servo per il modo di portare le armi, non doveva mai perderle di vista, se possibile neanche quando dormiva.

Un altro passatempo molto praticato era il duello, in particolare ne esisteva una forma, chiamata "guerra sull'isola" che riscuoteva grandissimo successo tra le popolazioni scandinave: essa aveva regole ben precise, che non è il caso di elencare, ma fondamentalmente si trattava di un duello uno contro uno con la spada e nient'altro. Se poi qualcosa andava storto e ci si faceva male, non aveva importanza. La vita non aveva praticamente alcun valore per il vichingo; a parte quella degli schiavi, che erano considerati alla stregua di oggetti, dunque si poteva fare di loro ciò che si voleva, anche l'esistenza degli altri uomini liberi non importava più di tanto ai consociati. Tra gli antichi nordici il comandamento "non uccidere" non significava nulla: le stesse sagre nordiche, che raccontano gli episodi degli dei e degli eroi della mitologia, sono costellate di episodi sanguinosi raccontati con una naturalezza raccapricciante.

Bisogna però fare dei distinguo: anche se era permesso uccidere un uomo, il codice d'onore vichingo esigeva però che nell'uccidere un proprio pari si rispettassero alcune regole. L'uccisione alle spalle o con la protezione del buio era proibita e corrispondentemente vendicata; nei casi più gravi si arrivava alla proscrizione o all'esilio. Anche la rapina doveva compiersi per così dire a viso aperto. Essa doveva essere un gesto per la conquista di una preda, dove un certo impiego della violenza lo distinguesse dal semplice e spregevole furto. Come si vede è più o meno il contrario di quello che accade oggi, dove il furto fatto con maestria è in fondo oggetto di ammirazione, mentre la rapina o qualsiasi atto violento sono, giustamente, deplorati. Tra i vichinghi invece vigeva l'onore: non è facile spiegare cosa fosse per loro l'onore, ma non c'è dubbio che avesse una posizione di rilievo nella vita di un uomo; non si trattava però di una questione di rispetto di sé, quanto di rispetto altrui nei propri confronti. In pratica ogni vichingo si sentiva in dovere di non cedere davanti a nessuno e di impegnarsi con tutto sé stesso anche nel caso di trascurabili offese. Oltre alla forza e l'onore c'era solo un'altra cosa che contava nella vita di un vichingo: la famiglia, la sippe.

La sippe era metà della sua vita, nonché l'unica istanza sociale verso la quale sentiva di avere dei doveri: Essa era più di una famiglia, sia per la composizione, dato che vi rientravano tutti i parenti, consanguinei e non, sia per l'importanza: era la "carta d'identità" di un vichingo, quella che lo faceva riconoscere ed essere stimato. La sippe andava difesa più della propria vita (l'uomo passa, la sippe rimane, dicevano), le offese dovevano essere vendicate, ciò che un uomo faceva si ripercuoteva sempre sulla sippe, aumentandone o diminuendone il prestigio. Quando i vichinghi organizzavano le loro spedizioni di guerra si sceglievano un capo, che altri culture definivano re ma in realtà era più vicino alla figura del generale; questi era il capofamiglia della sippe più rispettata ed egli si gloriava del suo prestigio. E' persino superfluo precisare che di solito questa elezione era il risultato di lunghe e sanguinose faide familiari. La posizione della donna era invece del tutto diversa e secondaria, né poteva essere diversamente in una società basata sulla forza.

La donna imparava l'ubbidienza, a ottemperare alle esigenze e alle richieste della famiglia, sottomettendosi all'etica creata dalla società maschile. L'educazione di una ragazza era finalizzata a due semplici scopi: che imparasse le arti della padrona di casa e che arrivasse illibata al matrimonio. Naturalmente il matrimonio era contrattato dalla famiglia e soddisfaceva motivazioni economiche, politiche o di qualche altro genere, ma non d'amore. In questo senso non c'era però disparità tra uomini e donne: anche il giovanotto intenzionato a sposarsi, nella scelta della futura moglie si lasciava guidare da motivi razionali e da considerazioni di politica della sippe. Le nozze venivano rigidamente contrattate, tra le famiglie c'erano lunghi incontri durante i quali si raggiungeva un accordo, spesso attraverso vivacissime discussioni. Poi, quando il patto era sancito, ci si dedicava a banchetti e libagioni che facevano da punto di partenza della futura vita insieme.

Scopo principale del matrimonio vichingo era la procreazione dei figli per assicurare alla sippe un futuro florido: Se consideriamo che tra i principali motivi dell'inizio dell'era delle calate vichinghe in Europa c'era il sovrappopolamento, possiamo ben dire che lo scopo è stato raggiunto in pieno. Quando si cerca di descrivere l'organizzazione di una società, l'aspetto da cui non si può assolutamente prescindere è quello religioso. È fin troppo ovvio che studiando il culto di un popolo si riesce a comprendere il perché di determinate usanze. I vichinghi non fanno certo eccezione. Il fatto curioso è che la mitologia nordica è ancora molto conosciuta, sia in quelle terre dove è nata, sia nel resto del mondo. Gli dei del Valhalla, l'Olimpo vichingo, sono rimasti impressi nell'immaginario collettivo e ancora oggi vengono evocati nel cinema e nella letteratura: esiste un genere letterario, il cosidetto fantasy, che pesca a piene mani dalla religione nordica per costruire le sue trame.

Odino e Thor, ma anche folletti, elfi e maghi sono oggi protagonisti di molte fiabe, anche un po' cruente, ma forse non tutti sanno che furono gli dei e gli eroi venerati dai vichinghi. Questa continua rielaborazione è probabilmente stata stimolata dal fatto che la mitologia nordica è un grande lavoro composito, nel quale ogni episodio ha il suo valore drammatico. In realtà gli dei vichinghi sono molto simili a quelli germanici, i quali a loro volta pescarono nella religione indoeuropea, dalla quale hanno avuto origine tutte le religioni, ivi compresa quella Greca e quella indiana (Thor ha caratteristiche molto simili ad Ercole, in Odino si riscontrano molti tratti dionisiaci).

Il "successo" dell'accezione nordica di quest'unico ceppo è da ascrivere probabilmente ad un motivo ben preciso: i vichinghi si sono creati degli dei a loro immagine e somiglianza, che vivono nella stanza illuminata dal focolare, mangiano e bevono, combattono e amano, soffrono e gioiscono. Sono dei che hanno spade e corazze, che forgiano armi e giocano a scacchi, proprio come fanno gli uomini. Le loro gesta erano raccolte nell'Edda, la "bibbia" vichinga, che in realtà era più simile ai poemi omerici, che non rimase mai inalterata; esistevano le saghe, che narravano le gesta degli uomini e degli eroi e provvedevano ad aggiornare i culti scandinavi, rivelandosi uno strumento di una duttilità incredibile. Per esempio quando i vichinghi si affacciarono sulla scena europea iniziò automaticamente la loro evangelizzazione.

Numerosi monaci si recarono nella loro terra per portare la parola di Dio, alcuni ricevendo un trattamento letteralmente barbaro, altri con maggiore fortuna. E quando il cristianesimo prese piede tra i vichinghi ecco che nelle saghe cominciarono a comparire personaggi di evidente matrice biblica. In effetti la storia militare vichinga non conosce sconfitte, ma la fine del loro dominio coincise con l'evangelizzazione dei loro re, e di conseguenza di tutta la popolazione. In pratica la cultura e la tradizione europea, seppero arrivare laddove le armi non sarebbero mai riuscite. Non era mio intento, nell'accingermi a scrivere questo articolo, tracciare una cronistoria dei vichinghi citando battaglie, conquiste e date. Tuttavia non avrebbe senso descrivere le usanze di un popolo senza dargli una collocazione storico-geografica. Lo spazio che ho riservato a questo scopo è volutamente poco, né ho intenzione di essere completo nella mia esposizione. Ciò che invece cercherò di fare è tracciare un quadro generale delle imprese vichinghe, teso ad illustrare più che altro quale fu il loro raggio d'azione e come agivano.

Quelli che fino ad ora sono stati annoverati con il nome di vichinghi, vanno divisi in tre grossi gruppi, peraltro corrispondenti alla divisione odierna della Scandinavia: gli svedesi, i norvegesi e i danesi. Questi tre ceppi ebbero ognuno un suo territorio di espansione e non si scontrarono quasi mai tra loro, sembrerebbe quasi che un giorno si siano messi d'accordo nel dividersi l'Europa ed ognuno abbia rispettato questo patto. Naturalmente non è così, poiché la divisione ha motivazioni geografiche: ogni gruppo attaccò le terre a lui più vicine. Gli svedesi percorsero tutta l'Europa dell'est da nord a sud. Sbarcarono prima di tutto dall'altra parte del Baltico, dove oggi stanno Estonia, Lettonia e Lituania, e da qui proseguirono verso sud. I loro possedimenti arrivarono fino al confine con l'impero bizantino, fondarono città, costruirono porti e bonificarono vaste regioni. Crearono il regno di Kiev, in Ucraina, che ben presto divenne uno degli stati più ricchi dell'epoca, grazie soprattutto a un florido commercio e all'abilità nella navigazione dei fiumi dei suoi fondatori.

Sul loro cammino i vichinghi svedesi incontrarono solo popolazioni barbare, per lo più riunite in piccoli villaggi, che si arrendevano facilmente all'invasore. Fu dunque un'invasione relativamente pacifica, che portò più vantaggi che disagi alle popolazioni occupate, anche se chi provò a ribellarsi ebbe di che pentirsene. Comunque le calate svedesi portarono ricchezza e addirittura civiltà dato che vennero fatte su un territorio ancora più arretrato di quello scandinavo. Ben altro fu invece il tenore dell'invasione norvegese: la posizione geografica di partenza fece sì che questo ceppo vichingo si spostasse gradatamente verso ovest. Lo sbarco cominciò con le isole a nord della Gran Bretagna, le Shetland, le Ebridi, le Far Oer, ma ben presto si allargò al territorio scozzese. La punta nord della Scozia è chiamata Sutherland (Terra del sud) proprio perché quando i vichinghi la conquistarono lo fecero arrivando dal nord, dunque per loro era il territorio più a sud tra i loro possedimenti. In questo caso non si può parlare di invasione incruenta; la conquista delle isole britanniche fu il frutto di una strage senza precedenti. In particolare quando si spostarono in Irlanda i norvegesi rasero al suolo letteralmente tutto ciò che gli capitò a tiro; la pacifica e religiosa comunità gaelica fu annientata.

All'incirca nell'830 la conquista fu completata ed i norvegesi si insediarono stabilmente in Irlanda dove fondarono una città che diventò in breve tempo la più grande e ricca di tutta l'isola: Dublino. Il loro regno durò però solo una quarantina d'anni poiché gli irlandesi trovarono un insperato aiuto da parte dei danesi, che nel frattempo avevano conquistato l'Inghilterra e riuscirono a riconquistare la loro terra. A questo punto occorre una puntualizzazione: mentre Svezia e Norvegia erano rimasti due gruppi di tribù, la Danimarca si era organizzata in forma di Stato. Ciò è dovuto al fatto che i danesi, quando si trovarono a confinare con l'impero carolingio, furono costretti a riunirsi per difendersi dal pericoloso vicino; quindi mentre norvegesi e svedesi cercavano terra da coltivare, ben presto i danesi cominciarono a costruirsi un regno che arrivò ad assumere dimensioni notevoli.

Comunque, quando l'Irlanda fu riconquistata, una parte dei suoi occupanti, che non voleva sottostare all'imposizione danese, decise di emigrare e continuò il suo viaggio verso ovest. Qui vi trovò ovviamente l'Islanda dove ben presto organizzò uno stato libero (930 ca.); questo territorio, da sempre popolato da un insieme di famiglie senza alcuna organizzazione politica, venne trasformato in stato affinchè non si ripetesse quello che era appena successo in Irlanda: in pratica venne stipulato un patto di unione contro l'aggressione degli invasori. Da questo momento in poi l'Islanda divenne il quarto ceppo della civiltà vichinga, peraltro di gran lunga il più pacifico. L'avvenimento più significativo avvenne nel 960: un tale Erik Thorvaldsson fu condannato a tre anni di esilio per un omicidio e questi con le sue navi fece ancora una volta rotta verso ovest. Sbarcò sulla costa sud-ovest della Groenlandia (Gronland significa Terra verde) dove disse di aver trovato boschi e campi da coltivare. Quando tornò in patria raccontò meraviglie di questa nuova terra, tanto che convinse una nutrita schiera di suoi compatrioti a trasferirvisi. Qui fu fondata una nuova comunità a capo della quale fu posto Erik stesso, passato alla storia con il soprannome di Erik il Rosso.

Inutile dire che coloro che seguirono Erik nella nuova terra non ci misero molto a capire che di verde c'era ben poco, ma tutto sommato la vita andava avanti bene poiché la costa dove si erano insediati era la più vivibile dell'isola groenlandese. Infine c'è un ultimo episodio che non può essere tralasciato: nel 985 Bjorn Herjulfsson tornò in Islanda dopo un lungo viaggio e scoprì che i suoi genitori avevano seguito il Rosso nella sua spedizione; chiese dove dovesse dirigersi per ritrovarli e gli dissero di proseguire verso ovest. Ma Bjorn prese una direzione diversa da quella che aveva trasportato Erik 25 anni prima e si trovò su una rotta molto più a sud. Un rotta che lo condusse ben più lontano: in America. Peccato che una volta arrivato qui, non trovando i suoi genitori, decise di tornare indietro per arrivare in Groenlandia.

Quando finalmente si ricongiunse ai suoi amati parenti raccontò di questa terra che aveva veduto e suscitò la curiosità del grande Erik. All'incirca nell'anno mille cominciò la prima spedizione colonizzatrice dell'America: la terra risultò effettivamente verde ed ospitale, ma questa volta la colonizzazione fallì: dobbiamo ricordare che Islandesi e Groenlandesi avevano perso la ferocia dei loro avi ed erano diventati un popolo pacifico di grandi navigatori. Quando provarono a insediarsi in America dovettero scontrarsi con la ferocia degli indigeni, che li ricoprirono di frecce, e decisero che il gioco non valeva la candela. Perciò com'erano arrivati tornarono indietro.

Infine la Danimarca. Si è già detto che essa si organizzò in forma di stato per difendersi dall'attacco di Carlomagno. Così i danesi si costruirono una tale forza d'urto che decisero di assumere il ruolo di attaccanti Quando il regno franco fu diviso in tre parti i danesi entrarono da nord e percorsero tutto lo stato; arrivarono persino ad assaltare Parigi, desistendo dall'assedio in cambio di buona parte del territorio a nord della Francia: nacque così il regno di Normandia. Contemporaneamente i danesi avevano però conquistato anche l'Inghilterra e nel 1015, sotto Canuto il Grande, il loro regno raggiunse la massima estensione e tale grandezza durò per circa 50 anni: nel 1066 Guglielmo il conquistatore riuscì a tornare sul trono inglese (ma Guglielmo, che era nato in Normandia, aveva origini vichinghe) e più o meno nello stesso periodo cominciò l'evangelizzazione che portò i danesi nell'alveo della civiltà.

_________________
"Ecco io vedo mio padre, ecco io vedo mia madre e le mie sorelle
e i miei fratelli, ecco io vedo tutti i miei parenti defunti
dal principio alla fine, ecco ora chiamano me, mi invitano a
prendere posto tra di loro nella sala del Valhalla
dove l'impavido puo' vivere per sempre".


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab feb 19, 2005 12:08 
Non connesso
 Profilo

Iscritto il: sab feb 19, 2005 11:48
Messaggi: 3
il valhalla

Il valhalla era il paradiso nella religione nordica, i vichinghi che veneravano dei quali odino thor e altri dei della guerra credevano in un paradiso che si poteva raggiungere se eri un gueriero valoroso, nel quale si combatteva per tutto il giorno e di notte si facevano feste dove abbondavano carni e vino, e il giorno dopor icominciavano a combattere, da qui il termine valhalla......che io sappia


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab feb 19, 2005 17:00 
Non connesso
Equilibrio Precario
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun giu 28, 2004 21:40
Messaggi: 1917
Località: Midgard
é giustissimo, e quando un valoroso guerriero moriva da chi venivà accompagnato nel Valhalla?50 punti :d :lol:

_________________
"Ecco io vedo mio padre, ecco io vedo mia madre e le mie sorelle
e i miei fratelli, ecco io vedo tutti i miei parenti defunti
dal principio alla fine, ecco ora chiamano me, mi invitano a
prendere posto tra di loro nella sala del Valhalla
dove l'impavido puo' vivere per sempre".


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun feb 21, 2005 15:12 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: gio apr 01, 2004 18:20
Messaggi: 5694
Località: Altopiano di Leng
Skaan Natsaclanee ha scritto:
Vediamo se sapete questa:
Nella mitologia nordica perché avvengono i terremoti? 25 punti a chi indovina  8)


Credo fosse colpa del serpente figlio di Loki (avesse avuto un figlio normale, quello :roll: : lupi, cavalli a 8 zampe...): se non erro, era a nanna in fondo al mare, o qualcosa del genere...

_________________
"[...]vedete dei marinai che stanno scaricando delle tasse..."
-Grande Pacho 'M Hell-


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun feb 21, 2005 15:12 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: gio apr 01, 2004 18:20
Messaggi: 5694
Località: Altopiano di Leng
Kalannar ha scritto:
é giustissimo, e quando un valoroso guerriero moriva da chi venivà accompagnato nel Valhalla?50 punti :d :lol:


Da una o più Valchirie?

_________________
"[...]vedete dei marinai che stanno scaricando delle tasse..."
-Grande Pacho 'M Hell-


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun feb 21, 2005 17:20 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun apr 05, 2004 16:14
Messaggi: 2843
Località: Falconara - Ancona - Marche
Freya cole che si accoppiava con gli spiriti dei morti e con altre creature delle leggende fino alla fine dei giorni....
(ho fatto un post al riguardo)

_________________
Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun feb 21, 2005 17:49 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 WWW  ICQ  Profilo

Iscritto il: gio feb 17, 2005 18:54
Messaggi: 838
Località: Karalis
ottimo...sapevo solo la metà delle cose che ci sono scritte... :wink:

_________________
"remember...who you are..."

Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 22, 2005 01:52 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer nov 03, 2004 00:24
Messaggi: 1515
Località: L'Abisso
dimenticate di dire che Loki era il dio del Fuoco e dell'Inganno. Tra i suoi figli bisogna citare anche Hell, dea dell'oltretomba e dei regni sotterranei.
Loki era spesso accompagnato da grandi lupi neri, e a lui si associa spesso il caos e la distruzione.
Nonostante non sia un Dio completamente malevolo, Loki sarà destinato a liberarsi dalla sua prigione sotterranea per scatenare il Ragnarok (non sono sicuro si scriva così), il Crepuscolo degli Dei.
scusate ma per Loki ho sempre avuto un grandissimo interesse... :oops:


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 22, 2005 16:10 
Non connesso
Equilibrio Precario
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun giu 28, 2004 21:40
Messaggi: 1917
Località: Midgard
Quello che dici Zero è verissimo!!!! :d :d
io però sono tutto il tuo contrario io amo Thor in assoluto!!! :wink:
Cmq la risp di era giusta!! :lol: :d

_________________
"Ecco io vedo mio padre, ecco io vedo mia madre e le mie sorelle
e i miei fratelli, ecco io vedo tutti i miei parenti defunti
dal principio alla fine, ecco ora chiamano me, mi invitano a
prendere posto tra di loro nella sala del Valhalla
dove l'impavido puo' vivere per sempre".


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio feb 24, 2005 14:07 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: gio apr 01, 2004 18:20
Messaggi: 5694
Località: Altopiano di Leng
Kalannar ha scritto:
Cmq la risp di era giusta!! :lol: :d


:jollone: :party:

_________________
"[...]vedete dei marinai che stanno scaricando delle tasse..."
-Grande Pacho 'M Hell-


Top
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group  
Design by Muzedon.com  
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010