Il forum dei Drow, dei Vampiri e delle creature dell'oscurità
Oggi è gio mag 06, 2021 14:42

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Il mondo sotterraneo nelle leggende russe
MessaggioInviato: ven nov 13, 2009 11:01 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer nov 12, 2008 18:33
Messaggi: 453
Località: Valm Neira (da non confondersi con Valmiera, capoluogo di provincia lettone).
Una delle fiabe più diffuse nella tradizione orale russa, tramandata da secoli in molteplici versioni è quella riguardo al viaggio dello zarevich Ivan nel Regno Sotterraneo, una terra segreta e meravigliosa, dove vivono malvagi demoni mutantropi e splendide principesse.
Nella versione “classica” il principe è il più giovane di tre figli di un saggio re e di una bella regina. Un brutto giorno la sovrana viene rapita da un misterioso spirito maligno. Per salvarla si mettono in viaggio, uno dopo l’altro, tutti e tre i fratelli. Solo il più giovane però ha successo nelle sue imprese e con l’aiuto delle più belle tra le figlie di Voron Voronovich (Letteralmente Corvo de’ Corvi), signore del Regno sotterraneo e rapitore della zarina, riesce a salvare prima i suoi fratelli e poi la madre. In ultimo, dopo aver affrontato il suo stesso padre, preda di una pazzia uxoricida, sposa la più bella tra le figlie del demone.

Spoiler: Visualizza

_________________
Who is who in Val Neira ha scritto:
Hoijemondijs Dodgloptris Nyrtjainnen
Sacerdotessa di Lloth del casato minore Nyrtjainnen. Vanta altri titoli come Sacerdotessa dei riti della Tenebra - Maestra del culto della Fertilità - Custode delle Estreme Sapienze, legati alle sue attività magiche
.

rose ha scritto:
Hoijemondijs è dio :sisi:
Mitternacht ha scritto:
Ah allora è con lei che me la prendo di continuo XD


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il mondo sotterraneo nelle leggende russe
MessaggioInviato: ven nov 13, 2009 13:38 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer nov 12, 2008 18:33
Messaggi: 453
Località: Valm Neira (da non confondersi con Valmiera, capoluogo di provincia lettone).
La fiaba russa qui sopra riportata non può ovviamente essere analizzata in toto. Le tematiche in essa accennate sono molte, dal rapimento di una donna da parte di uno spirito maligno, all'uxoricidio, dal tradimento da parte dei fratelli allo stratagemma del calderone di Medea.

L'aspetto che qui cercherò, brevemente di affrontare, è la meta dei viaggi del Principe Ivan, i regni sotterranei. Essi sono sede di spiriti maligni, ma anche un reame di meraviglie indicibili, dove dimorano creature fatate che conducono una vita felice e pacifica.

In fondo anche la zarina rapita da Voron Voronovic vive felice nella sua "prigione" e fa appena in tempo a tornare in superficie che il marito la mette a morte per stregoneria...

Le belle principesse,e soprattutto la più ambita tra loro, la signora del Regno d'Oro, sono creature estremamente ambigue. Non per nulla la principessa più bella si comporta come una versione in sedicesimo di Medea, tradisce il padre per amore dell'eroe e a ricorre ad ogni sorta di magia e di astuzia per trionfare insieme all'amato.
È una creatura legata ad un mondo sotterraneo che però non è descritto come un luogo buio e privo di vita, e che soprattutto non ha alcuna connotazione che possa avvicinarlo all'oltretomba, cristiano o pagano.
Il "Sottosuolo" delle fiabe russe è piuttosto un corrispondente sotterraneo del mondo esterno, uno dei tanti reami fatati della terra che si differenzia dagli altri solo per essere raggiungibile solo dopo anni di viaggio dentro al ventre della terra. Non è quindi un inferno, ma una terra nascosta, che solo gli eroi possono raggiungere, e solo grazie all'aiuto dei suoi abitanti.

L'accesso al mondo sotterraneo è chiuso da una lastra di pietra
Simili ingressi blindati, nella tradizione popolare della Russia nord-orientale sigillano l’entrata del regno dei misteriosi Chud’, uno dei popoli più affascinanti delle leggende slave e ugro-finniche. Questa popolazione ha nella mitologia russa un ruolo simile a quello che gli aes sidhe hanno nella tradizione irlandese. Si dice fossero un popolo antico, splendido e pacifico, che dopo l’invasione delle loro terre da parte del nemico si ritirarono nel sottosuolo e ivi continuarono a vivere felici. Il suo nome riecheggia quello di tribù storicamente esistite (e tuttora esistenti, nel 2002 è stato riconosciuto il nome di Chud’ ad una comunità etno-linguistica della regione di Arkhangel’sk, cosa che ha suscitato una certa perplessità negli amministratori… che ne direste voi se la gente di un paesino irlandese pretendesse di essere denominata ufficialmente Tuatha de Danann o se gli abitanti delle Shetland volessero essere chiamati nei documenti ufficiali “drow”?).
Sull’effettiva identità di questi Chud’e sull’epoca della loro discesa nel sottosuolo le varie tradizioni leggendarie discordano.
Le cronache russe d’ispirazione bizantina identificano i Chud’ con gli estoni.

Secondo la più antica delle narrazioni storiche russe, il “Racconto dei tempi passati” racconta che i Chud' erano uno dei popoli baltici che pagavano tributi agli svedesi. Altre cronache riportano che esistevano quartieri popolati da Chud’ sia a Novgorod che a Kiev.
Nel XIX secolo venivano chiamati con tale nome alcune popolazioni della zona di Narva (ora in Estonia al confine con la Russia). Il nome è ben ricordato nel “Lago dei Chudi”, il teatro della famosa battaglia di Aleksandr Nevskij contro l’Ordine Teutonico (che nel film di Ejezenstejn viene vinta dai russi perché i cavalieri germanici e i “chudini”loro alleati sprofondano nel lago ghiacciato).
Tribù denominate “Chudja” o “Shudja”sono presenti nella zona degli Urali, tra gli Udmurti. Un'altra popolazione ugrofinnica della Russia Orientale, i Komi, chiamano “Chudi” i loro antenati pagani.

Proprio tra i Komi della regione di Syktyvkar si dice che i Chud’ si seppellirono vivi per sfuggire alla conversione forzata al cristianesimo.
Tale versione della fuga è confermata dai canti epici russi, nei quali il misterioso popolo è nemico degli Ebrei (e dei loro “eredi” Cristiani) fin dai tempi di Re Salomone “I Chud’ dagli occhi bianchi” avrebbero assediato Gerusalemme ai tempi del re saggio per antonomasia.
Perfetti equivalenti dei Sidhe i Chud’ abitano nei boschi, in dimore scavate nella terra, le famose “tombe dei Chudi” Custodiscono tesori inestimabili, irraggiungibili agli uomini se l’incantesimo che li tutela non viene tolto da qualcuno del loro popolo (e qui le tre principesse del regno sotterraneo sono delle perfette “Chukhonki”).

Possono essere sia buoni che cattivi. In alcune leggende sono dei giusti sfuggiti a un’invasione violenta. Tale voce è diffusa soprattutto tra i Vecchi Credenti siberiani (cristiani tradizionalisti, che non riconoscono l’autorità del Patriarca di Mosca) che amano raccontare di come il popolo pacifico e magnifico dei Chud’ si sia rifugiato sotto terra all’arrivo delle armate dello Zar’ Bianco (presso le popolazioni delle steppe dell’Asia Centrale tale era il nome del Sovrano di Tutte le Russie): essi vivono in un vero e proprio underdark di caverne intercomunicanti e hanno città meravigliose con grandi templi, le cui campane riecheggiano in mezzo al nulla della steppa e tra le vette impervie dei monti.

Nella tradizione siberiana i Chud’ sono di nobile aspetto e hanno la pelle scura. Sono i veri padroni delle regioni dove sorgono i loro tumuli e gli uomini non possono insediarsi senza il loro permesso. Esiste una leggenda riguardo la fondazione di Ekaterinburg dice che la città potè svilupparsi solo perché il fondatore, Tatishchev famoso storico e uomo politico del settecento russo, rispettò i tumuli dei Chud’, su ordine di una splendida signora del Sottosuolo apparsagli in sogno.
Il popolo dei Sotterranei può essere insidioso e vendicativo. Sulla malignità dei Chud’ si tramandano parecchie dicerie. Ecco la storia di una Chukhotka “mangiauomini”.

“Un giorno nel villaggio di Bazhgort presso gli il fiume Kama apparve una fanciulla dei Chud’. Era bella, alta e ben fatta, portava i lunghi capelli neri sciolti sulle spalle. Andava per il villaggio e diceva “Venite a casa mia, vi preparerò i pel’meni”(tortellini). Una decina di uomini volle seguirla, ed ella li condusse presso la fonte detta “Dei Chud’”, e nessuno di loro tornò più a casa. Tutti sparirono.
L’indomani accadde la stessa cosa. La gente non abboccava all’esca per la sua stupidità, ma la fanciulla li rimbambiva con qualche incantesimo. Il terzo giorno le comari del paese decisero di fargliela pagare. Fecero bollire dell’acqua e quando la ragazza apparve le donne le versarono addosso l’acqua bollente. La fanciulla corse via fino alla sua fonte urlando nella sua lingua “Odege, Odege!”. Subito la gente di Bazhgort abbandonò il villaggio e si trasferì altrove”.

_________________
Who is who in Val Neira ha scritto:
Hoijemondijs Dodgloptris Nyrtjainnen
Sacerdotessa di Lloth del casato minore Nyrtjainnen. Vanta altri titoli come Sacerdotessa dei riti della Tenebra - Maestra del culto della Fertilità - Custode delle Estreme Sapienze, legati alle sue attività magiche
.

rose ha scritto:
Hoijemondijs è dio :sisi:
Mitternacht ha scritto:
Ah allora è con lei che me la prendo di continuo XD


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il mondo sotterraneo nelle leggende russe
MessaggioInviato: mar mar 09, 2010 22:45 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer nov 12, 2008 18:33
Messaggi: 453
Località: Valm Neira (da non confondersi con Valmiera, capoluogo di provincia lettone).
Ne ho fatto un articoletto per l'Oscuropedia


http://valmneira.com/wiki/%C4%8Cud%E2%80%99

_________________
Who is who in Val Neira ha scritto:
Hoijemondijs Dodgloptris Nyrtjainnen
Sacerdotessa di Lloth del casato minore Nyrtjainnen. Vanta altri titoli come Sacerdotessa dei riti della Tenebra - Maestra del culto della Fertilità - Custode delle Estreme Sapienze, legati alle sue attività magiche
.

rose ha scritto:
Hoijemondijs è dio :sisi:
Mitternacht ha scritto:
Ah allora è con lei che me la prendo di continuo XD


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il mondo sotterraneo nelle leggende russe
MessaggioInviato: mer mar 10, 2010 12:48 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
chapeau miss :inchino: ben fatto!

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group  
Design by Muzedon.com  
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010