Il forum dei Drow, dei Vampiri e delle creature dell'oscurità
Oggi è lun mag 17, 2021 22:32

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Motorstorm
MessaggioInviato: dom mar 13, 2011 20:48 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
Auto, i social network
sposano i videogame

A colloquio con Matt Southern, mente ed anima dell'ultimo Motorstorm, nuovo capitolo di uno dei videogame di corse automobilistiche più estremi in circolazione in uscita il 16 marzo per PlayStation 3di JAIME D'ALESSANDRO
su http://www.repubblica.it

Immagine

In caso di apocalisse, spingere sull'acceleratore. Per evitare i grattacieli che rovinano sulle strade e saltare i crepacci che spaccano l'asfalto, bisogna infatti avere un motore potente e l'incoscienza di un tredicenne. Almeno stando ai ragazzi degli Evolution Studios, una novantina di pazzi che a Runcorn, cittadina industriale nel nord ovest dell'Inghilterra, si sono inventati uno dei videogame che ad un tempo è fra i più irreali e realistici dedicato alle quattro ruote. Apocalypse, terzo capitolo della saga di MotorStorm che vedremo su PlayStation 3 il 16 marzo, è una singolare via di mezzo fra catastrofi naturali e corse su mezzi più o meno improbabili per le vie di metropoli sull'orlo del collasso. Il tutto gestito da un motore grafico e da una fisica degni dei migliori giochi di simulazione di corse d'automobilismo.

Immagine

"Anche il film di fantascienza più estremo deve essere credibile", spiega Matt Southern, la mente dietro Apocalypse. "Nel nuovo MotorStrom accadono cose fuori di testa, eppure le collisioni, gli incidenti, le esplosioni dei veicoli sono parecchio verosimili". Merito dell'esperienza fatta sulla serie di Wrc, videogame dedicati al campionato di rally che Southern & Co. hanno sviluppato dal 2001. Poi però, se anni fa, hanno deciso di passare ad altro mantenendo lo stesso livello di raffinatezza tecnica. Solo che al posto di piloti e team ufficiali del campionato di rally, hanno preso a modello gli inseguimenti dei film d'azione. "Apocalypse è un MotorStorm all'ennesima potenza",
continua il game director degli Evolution Studios. "Stavolta non si corre in valli desertiche ma in città che cadono a pezzi. L'intelligenza artificiale è nuova, proprio perché la complessità di quel che accade durante le corse è tale che abbiamo dovuto riscriverla". Il risultato è una simulazione puntuale di gare che avvengono in contesti incredibili. Equilibrio difficile da trovare quindi, con tanti elementi in gioco, che poi è da sempre l'aspetto più critico di tutti i giochi di corse.

Immagine

"Divertire, mantenere una coerenza interna e apparire verosimili, sono le regole base di questo genere", conferma Darryl Shaw, produttore di MotoGp 10/11, videogame dedicato al campionato di motociclismo dove milita anche Valentino Rossi e che dovrebbe arrivare nei negozi il 18 marzo. Seconda versione di un titolo che lo scorso anno fu criticato per la bassa qualità della grafica. "Lavoriamo su licenza e i paletti sono davvero stretti", spiega Shaw. "La nostra idea è quella di rappresentare il MotoGp in maniere realistica. Anche se, per non essere troppo punitivi, si può vincere con qualsiasi moto". Peccato che non sempre questo cercare di mantenere i piedi in due staffe, soddisfare appassionati da un lato e giocatori in cerca di un passatempo veloce dall'altro, funzioni. Soprattutto perché per primeggiare in questo campo servono ormai produzioni e investimenti notevoli, sopra i 20 milioni di euro, e non tutti possono permetterselo.

Immagine

"Per sottrarsi all'escalation dei costi, l'unica è pensare maniera più aperta", continua Matt Southern. "Il nostro è un mondo che sta cambiando molto rapidamente. Le esperienze possibili da proporre su console sono infinite. Il giocare online con altri utenti ad esempio sta evolvendo ed assomiglia sempre più ai social network". In Apocalypse non a caso si possono creare nuove modalità con regole diverse e campionati aperti a tutti sulla Rete. Ennesima tappa di un percorso intrapreso prima da Forza Motorsport, poi da Need for Speed. "Ora bisogna aprire i videogame di corse ai contenuti prodotti dai giocatori, prendendo spunto da titoli come Little Big Planet o ModNation", conclude Southern. "E quella si che sarà una vera rivoluzione".


Immagine

concept senza dubbio intrigante e diverso dai giochi di corse tradizionali, attendo commenti, non è il mio genere di norma :ok:

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group  
Design by Muzedon.com  
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010