Il forum dei Drow, dei Vampiri e delle creature dell'oscurità
Oggi è mar mag 11, 2021 05:19

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: lun apr 04, 2011 01:12 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 ICQ  Profilo

Iscritto il: gio dic 15, 2005 16:15
Messaggi: 3079
Località: TERNI!
Immagine

new vegas merita per l'incisività delle scelte fatte nel risultato molto "variabile", lo consiglio se è piaciuto il primo

_________________
ebbbene si ho tolto la mia firma storica :sese:
Immagine
Affiliato alla frangia anti D&D4th

i dadi sono sempre utili a chi gioca a D&D e Vampire


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout 3
MessaggioInviato: sab apr 09, 2011 11:52 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun apr 21, 2008 02:45
Messaggi: 1933
Località: Il mondo bidimensionale
In New Vegas c’è il marchio di fabbrica della Obsidian che è composta da parte degli ex dipendenti del team Black Isle Studios (Icewind Dale, Planescape e i primi due Fallout).
Di fatto si respira maggiormente lo spirito originario della serie: la modalità hardcore rende il gameplay molto più “realistico” e avvincente grazie a menomazioni permanenti, scontri più ostici, inventario dalla capienza minore e radiazioni che non se ne vanno via per magia dopo una spruzzatina di anti-rad come accadeva nel 3 che aveva come difetto quello di essere troppo facile.
L’ambientazione è curatissima, alla trama non mancano i tocchi di classe e i dialoghi sono scritti molto bene. Purtroppo ci sono diversi bug e frequenti tempi di caricamento, ma è comunque un gran gioco.

_________________
Non siamo che polvere e ombra.
(Orazio)


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout 3
MessaggioInviato: sab apr 09, 2011 12:15 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer lug 27, 2005 11:06
Messaggi: 5033
Località: Togarini
io in new vegas ho trovato problematica la gestione delle armi, fino a che non mi hanno lasciato il fucile ad anti materia non c'era un arma che aveva un danno decente

_________________
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Membro non-morto E fondatore della Frangia Anti-4th


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: sab apr 09, 2011 19:10 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
Ho fatto qualche ora di New Vegas e vi dirò
concordo con la valutazione di Miss Illusoria ECCETTO per la questione dialoghi - salvo non lo si abbia acquistato in originale (peccato non vi sia l'opzione - dialoghi in UK) la traduzione italiana SIA scritta SIA parlata lascia francamente molto a desiderare: dialoghi sconclusionati, rozzi e spesso privi di senso, oltre ad una recitazione ahimè davvero pessima) Quanto invece alla sostanza dei dialoghi, devo dire che non brillano certo per accuratezza nè seguono una consecutio logica legata al procedere dell'azione rispetto al player (es: se parlate con un PNG prima di aver scoperto ciò a cui si riferisce, saranno comunque disponibili nel dialogo ad albero le opzioni di testo relative a quell'oggetto-personaggio, quasi si possegga la scienza infusa, trovandosi spesso a dire, ma di cosa parlerà questo?) L'episodio precedente in questo era assai più curato a mio parere.

Detto questo, la trama e l'ambientazione è sempre eccezionale (anche se personalmente l'elemento western spinto, pur se postapocalittico mi affascina meno rispetto a quello postnucleare del precedente episodio) vedremo dove va a parare. Critico anche l'elemento pokermania (caravan, roulettes etc...) per quanto è sicuramente un surplus che conferisce realismo all'ambientazione "vegasiana" e non vi è l'obbligo di indugiarci vsu troppo se non lo si vuole.

Insomma capisco chi l'ha definito un eccellente seguito di fallout3 ma con qualcosa in meno, determinando voti sempre altissimi ma in ogni caso di qualche decimo o punto inferiore (il che non lo fa certo scendere dal gotha dei giochi meritevoli, ma capisco che significa dire - FALLOUT3 10 e New Vegas 9.5 o 9)

Vedremo seguendo se il giudizio muterà in melius o peius :rockrulez:

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: sab apr 09, 2011 21:29 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun apr 21, 2008 02:45
Messaggi: 1933
Località: Il mondo bidimensionale
Okay, andava specificato.
E’ scritto bene ma la localizzazione lascia a desiderare: già nel filmato d’introduzione si notano le carenze del doppiaggio, inoltre la traduzione in italiano presenta parecchi errori.

_________________
Non siamo che polvere e ombra.
(Orazio)


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: mar mag 17, 2011 01:51 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
devo correggere ulteriormente la mia valutazione e non senza un pizzico di delusione
Dopo aver tanto amato il titolo, mi sono disamorato di questo episodio al punto di averlo lasciato perdere dopo tre diverse canches (momentaneamente o meno si vedrà)

Fedeltà Dialoghi: ribadisco quanto detto ampiamente sopra. Conducono alla totale disperazione, al punto da saltarne 3 su 10 concludendo che, vabbè, tanto non significano nulla, tentando negli altri casi (e quando possibile) di ipotizzare tramite le idiozie italiane il reale senso del discorso inglese. Già solo questo punto crea uno scollamento totale con il pathos del gioco, tendi a distrarti, rimani freddo, vedi i pNg bidimensionali, si rompe quella magia che ti fa entrare nel gioco e (complice la grafica) immaginare di essere lì a parlare con una controparte verosimile.

Coerenza delle trame: debole assai e questa è la pecca maggiore, a partire dal plot iniziale, spiegato male, di sfuggita, con una pappardella iniziale sciorinata come la bibbia senza che tu abbia realmente la capacità di capire che stia succedendo (non perchè così si vuole come nel terzo capitolo, ma perchè manca del tutto il senso e la linearità di certi discorsi e della trama - gente che porta oggetti in posti, un tizio che insegui e non sai chi è, dove va, perchè ci va, come è collegato con altri tizi che devi affrontare e che non ti dicono chi sono.... ma fammi il piacere) per poi far seguire imbarazzanti silenzi su quel che devi fare. Addirittura, per capire perchè avevo competato positivamente un passaggio, sono dovuto andare nel diario di bordo, il quale, senza una spiegazione mi ha solo suggerito di passare dal punto C al successivo D e di parlare con un imprecisato Tizio e Caio che non avevo mai sentito pronunciar prima. Insomma è più un, avanza perchè devi, non perchè hai motivo di farlo. Le trame collaterali sono scialbe all'inverosimile, quasi world of warcraftiane (ma almeno lì sai che quello è il genere). Si prendono del tutto casualmente, addirittura si attivano per sbaglio, o ripetendo i dialoghi 20 volte perchè non hai seguito il giusto svolgimento dell'albero-diagramma (pietoso stavolta) si competano pur non avendole e in alcuni casi si falliscono senza neppure aver la possibilità di conoscere il perchè.

Intelligenza dei PNG: follia allo stato brado. Hanno introdotto il concetto di fazioni con possibilità di ingraziarsele o meno, per poi dimenticare totalmente di curarne lo sviluppo. A parte la cazzata per cui, se ammazzo un tipo in mezzo al nulla, tutta il relativo gruppo dalle Ande agli Appennini lo saprà (non ho mai apprezzato questo irrealistico concetto), capita di sterminare orde di persone per poi sentirti salutare amichevolmente dagli stessi affiliati di quel gruppo (per di più indossando l'armatura e le insegne avversarie) come se nulla fosse. Arrivi in aree in cui i pNg ti attaccano anche se non sono segnati ostili e se li uccidi, i loro compagni a due metri continuano a parlarti di loro come fossero vivi, consigliandoti di andare a parlare con quello che hai ammazzato 15 secondi prima davanti agli occhi, al punto che davvero ti guardi e pensi: ma che proseguo a fare? Poi magari, dop aver ucciso il leader di una fazione (sempre casualmente sia chiaro) eviti che un bicchiere della loro baracca cada dal tavolo e, nonostante leader-icida, "hai appena guadagnato reputazione positiva con quel gruppo", ma che minch'.....

Insomma, non si può dire che non abbia fortemente voluto giocarlo (un po' come un tifoso che ama il primo episodio e cerca di giustificare lo schifo del secondo perchè ragiona con il cuore non con la testa). Devo purtroppo concludere che questo capitolo mi ha lasciato fortemente deluso, incapace di farmi percepire quella coralità del mondo che ruota attorno a me, pensando che in realtà, a parte 4 scemi presenti nei vari avamposti impalati come cretini, attorno non ci fosse nulla (cosa ben diversa dal 3 capitolo!!)

Mi si potrà dire che seguendo migliora, ma onestamente (a parte la personale perplessità) se mi gioco svariate ore e questo è l'andazzo, pur se la trama principale dovesse riservare uno o due colpi di scena, essi sarebbero francamente insufficienti a farmi cambiare idea o farmi investire ore per girovagare annoiandomi. Magari lo riprenderò proprio perchè (come dicevo prima) da fan del titolo MI FORZERO' a finirlo per restare in cronologia, ma questo è quanto.
Nel terzo episodio, anche il solo esplorare il mondo a fine speculativo ha donato momenti spettacolari, microtrame appassionate, luoghi coerenti all'ambientazione. Qui ci troviamo solo ad uno sterile avanza - scopri il punto - ammazza quel poco che c'è (e gioco in modalità hard core preciso) - vai al prossimo punto, perchè sì!
Non ci siamo proprio. Anche i computer da crakkare contengono pagine sterili, inutili, tirate via, come a dire (tanto il grosso dei giovani non le leggono neppure) idem i pNg senza carisma, non approfondiscono, non ti spiegano dove sei cosa fanno, è tutto lasciato al caso, parli con uno, ti dice una cosa generica, per caso ci ritorni e senza motivo ti dice: grazie per aver fatto questo e quello... ma chi? ma cosa, ma quando me l'hai chiesto o mi hai mai detto che ti interessava.... va la

Nev Vegas non ha quel tocco e, come tale, diventa un gioco che definirei velleitario nel suo voler rimanere in scia del primo e creare un grande affresco, solo per fare come i western anni 70 di basso livello in cui vedi che gli edifici sono di legno con dietro nulla e la gente che passa sono solo 4 scemi, ma il villaggio in realtà è vuoto

Queste le mie riflessioni sparse, non avevo voglia di raggrupparle in un pensiero maggiormente organico, solo comunicare il mio parere, tutto qua
Un saluto oscuro

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: mar mag 17, 2011 18:20 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: gio dic 09, 2004 18:47
Messaggi: 332
Località: Ancona
Concordo in pieno con quello che dice Il buon (buon?) Imoterius nel suo pungente articolo.

Certo qualche buon momento ce l'ha... incontrare Ceaser o altre chicce, ma non sono sufficienti a fare entrare il giocon nell'olimpo, dato anche la forte concorrenza, e soprattutto a non lasciare l'amaro in bocca per quella sensazione di "è intelligente ma non si impegna" della generale produzione.

E come dici all'inizio cose come la traduzione approssimativa uccide la sospensione dell'incredulità, che ho appena scoperto abbia un senso grazie al buon wiki in "La sospensione dell'incredulità o sospensione del dubbio è un particolare carattere semiotico che consiste nella volontà, da parte del lettore o dello spettatore, di sospendere le proprie facoltà critiche allo scopo di ignorare le incongruenze secondarie e godere di un'opera di fantasia."

Non finirlo per forza passa ad altro!:)


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: mar mag 17, 2011 18:24 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
come sempre saggezza nelle parole del buion tatsel :)

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: mar mag 17, 2011 22:39 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer lug 27, 2005 11:06
Messaggi: 5033
Località: Togarini
io personalmente l'ho trovato carente sotto ogni punto di vista. L'inizio è una palla enorme, le location son tutte uguali, i voult inutilmente labirintici, i png reagiscono in maniera del tutto casuale (ho dovuto uccidere ogni membro di un casinò perché ho fatto un metro oltre un omino fermo di vedetta!!).

e poi....New Vegas fa veramente schifo!

_________________
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Membro non-morto E fondatore della Frangia Anti-4th


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: mer mag 18, 2011 09:21 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun apr 21, 2008 02:45
Messaggi: 1933
Località: Il mondo bidimensionale
Suvvia, non siate troppo critici (e per dirlo io che sono la criticona per eccellenza…)
E’ un ottimo gioco, non potete pretendere sempre il capolavoro. Certo, la trama non sarà eccezionale ma ha il pregio di non essere troppo stereotipata (e non è di poco conto visto che il 90% dei giochi di ruolo hanno una trama odiosamente stereotipata).
Ha dei punti di forza rispetto a Fallout 3: la modalità “duro” che rende l’esperienza di gioco molto più realistica (relativamente parlando) e ricca di soddisfazioni dato il livello di sfida decisamente più sostenuto che non ti fa mai sentire superman. Menzione d’onore va fatta anche per il sistema di reputazione eccellente e molto articolato, armi personalizzabili e diversi tipi di seguaci. Sono delle belle aggiunte. Magari a non tutti piace il gioco d’azzardo (me compresa) ma è una questione di gusti.
Il gioco parte anche da premesse diverse volendo essere un titolo autoriale, e sebbene le innovazioni in fin dei conti non siano moltissime è stato sempre meglio di ritrovarsi tra le mani un semplice clone di Fallout 3.
Inoltre le quest le ho trovate abbastanze varie e vi è un ottima implementazione dei modi di utilizzare le diverse abilità del personaggio (capacità di scasso, scienza, riparare, baratto ecc…) di conseguenza è difficile annoiarsi. Ha una scarsa rigiocabilità però.
Se ci si può lamentare di qualcosa allora bisogna farlo per il comparto tecnico visto che il gioco ha troppi bug (è l’odierno problema principale del team Obsidian: basta pensare al precedente Alpha Protocol, un titolo assai bello sulla carta ma minato da una quantità di bug tale da renderlo un flop).
Poi com’è già stato detto riguardo alla qualità dei testi, questi non sono scadenti di per se, tutt’altro, ma in più occasioni sono stati tradotti male come se i localizzatori traducessero i termini senza neanche sapere a cosa si riferissero e ciò ha portato ad errori anche piuttosto banali. Ad esempio: “da quanto tempo è che suoni? (la chitarra)” il vocabolo play è stato tradotto come giocare e quindi si leggeva: “da quanto tempo è che giochi?” Tra le altre perle le toilette (restrooms), tradotte in diverse occasioni come “stanze da riposo.”

_________________
Non siamo che polvere e ombra.
(Orazio)


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: mer mag 18, 2011 12:19 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
comm'è che lo schifo è schifo salvo quando la miss non vi posa il suo soggettivissimo e competentissimo sguardo indulgente?

suvvia, una intransigentissima purista quale voi ci avete ricordato non senza compiacimento d'essere, insensibile al compromesso, non può non aver trovato scialbo questo capitolo, salvo ammettere che (ovviamente è una domanda retorica) anche voi siete dopotutto suscettibile a moti puramente interiori.

Sarebbe più che altro interessante ricordarlo la prossima volta che massacrerete indegnamente con malcelato disprezzo tutto quel che non vi piace, ricordando che non è solo quel che vi piace ad essere bello, ma semplicemente che è bello perchè vi piace

:inchino: i miei omaggi mia signora

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: mer mag 18, 2011 17:15 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun apr 21, 2008 02:45
Messaggi: 1933
Località: Il mondo bidimensionale
MasterMind ha scritto:
Sarebbe più che altro interessante ricordarlo la prossima volta che massacrerete indegnamente con malcelato disprezzo tutto quel che non vi piace

Okay, vorrà dire che in futuro potrete usare a vostro vantaggio (si fa per dire) frasi del tipo: “Stai zitta tu! Che hai difeso indegnamente quella ciofeca di New Vegas!”
Tutta la vita è una disputa di gusti e palato e se non ci fossi io a farvi girare le palle con le mie critiche massacranti questo posto sarebbe più noioso (forse mi sbaglio, ma parlo per convenienza).
Tornando in topic.
Il gioco ha i suoi difetti? Non l’ho negato; non è un capolavoro? D’accordissimo; è poco adrenalinico e dispersivo per alcuni? Va bene; ma da qui a dire che fa schifo si esagera enormemente. Le recensioni, tutte nel complesso positive, gli assegnano una media di 8 pieno e personalmente l’ho trovato godibile.
Confido che questa valutazione non influisca troppo sul mio status di intransigentissima purista che è un giudizio totalmente errato visto che i puristi sono una tipologia di individui gretti che ho criticato più volte anche qui sul forum, comunque mi piace essere chiamata così perché ha un sapore elitario.
Ma ammesso e non concesso che il buon MM abbia ragione e le mie facoltà di giudizio siano offuscate da un moto interiore questo è proprio dovuto al mio purismo illusorio, visto che Feargus Urquhart e Chris Avellone (i fondatori di Obsidian) sono tra i creatori originari della serie di cui la Bethesda poi ha acquisito i diritti inventandosi in termini di background poco e niente. Ricordo con nostalgia i primi due Fallout bidimensionali e sono una grande fan di Chris Avellone il quale dopo aver giocato a Planescape, a Kotor 2 e a Mask of The betrayer per me è diventato un mito. In quest’occasione il team Obsidian era decisamente meno ispirato che in passato, forse timoroso di chiudere baracca se avesse toppato commercialmente come ha fatto con il precedente Alpha Protocol, quindi si è limitato a svolgere il gioco su commissione come si ci aspettava da loro (ma nemmeno tanto, visto che New Vegas in origine era stato concepito per essere una semplice espansione di Fallout 3).
Ripeto che al contrario di voi non l’ho trovato affatto così deludente e come me la pensa quasi tutta la critica specializzata assieme a una buona fetta di videogiocatori, quindi in fin dei conti non mi sembra di stare dicendo niente di insostenibile.

_________________
Non siamo che polvere e ombra.
(Orazio)


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: gio mag 19, 2011 02:57 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
la precisazione mi soddisfa e, al netto di quanto me ne importa di "tutta la critica" che poco o punto può rafforzare un giudizio soggettivo (l'unico che davvero mi interessi), in quanto tale splendido e rispettabile ex se, concordo, così come analogamente ribadisco che per me (non per "alcuni" che possono pensarla come preferiscono) il gioco è manierista e privo di mordente, luccicante nella sua rodata confezione ma non in scia dei mitici titoli da voi a ragione citati.
Dopotutto, anche questo fa parte del gioco, n'est ce pas? :inchino:

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Fallout: New Vegas
MessaggioInviato: gio mag 19, 2011 21:57 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun apr 21, 2008 02:45
Messaggi: 1933
Località: Il mondo bidimensionale
MasterMind ha scritto:
Dopotutto, anche questo fa parte del gioco, n'est ce pas? :inchino:

Oui.
Non ti credere però: non sono un’accanita lettrice di recensioni. Oltretutto ritengo che esistano dei videogames sopravvalutati all’unanimità.
Volevo solo dire che il minore dinamismo e gli altri difetti che hai menzionato (molti dei quali non sono poi tanto gravi) da soli non trasformano giochi di queste proporzioni in delle pattumiere interattive. Inoltre quanti titoli affascinanti come Fallout offre il mercato? A parte la serie The Elder of Scroll, Fallout è un tipo di Gdr unico al mondo, quindi se per quanto riguarda New Vegas si è disposti a sorvolare su qualche difetto allora si gode di un’esperienza che non ti può offrire nessun altro gioco sul mercato. Escluso F3, si capisce (non mi riferisco al celebre tasto omonimo).
Se ci fate caso, anche se dirlo può sembrare un po’ banale, giochi come Morrowind che un tempo venivano considerati bellissimi oggi direste che fanno cagare perché vi sembrerebbero di una piattezza mostruosa. In pratica i videogiocatori diventano sempre più pretenziosi ogni volta che si abituano a un nuovo standard.
Ho criticato aspramente Dragon Age 2 perché è stato un vero peccato che in nome del Dio Marketing l’ultimo grande esponente degli strategic role sia diventato un Hack N’Slash di cui ritengo ce ne fossero più che a sufficienza. Così il genere dei giochi di ruolo strategici, dove negli scontri bisogna usare il cervello, è morto; salvo future riesumazioni da parte della Atari, ma ci vorrà tanto tempo che il mondo finisce prima.
Ma malgrado ciò obiettivamente riconobbi che fosse bello e che scorreva piacevole dall’inizio alla fine. Quindi non massacro indegnamente: massacro sì, ma non indegnamente. Quanto critico qualcosa lo faccio sempre con argomentazioni concrete: non dico mai “questo fa schifo e basta.” Tranne se si tratta di cose talmente misere dove non c'è proprio nulla da argomentare.
Venendo al punto, si tratta di una questione legata al sostanziale. Oggi i videogames (ma si potrebbe fare un discorso analogo per tante altre cose) diventano sempre più uniformati e si rivolgono unicamente alle esigenze dell’uomo medio, che è una sorta di zombi, come diceva filosoficamente Romero. Questo non lo digerisco e ho il cattivo vizio di farlo presente.

_________________
Non siamo che polvere e ombra.
(Orazio)


Top
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group  
Design by Muzedon.com  
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010