Il forum dei Drow, dei Vampiri e delle creature dell'oscurità
Oggi è mar mag 18, 2021 09:42

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: [monografia] Arcade Fire
MessaggioInviato: lun dic 10, 2007 18:29 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: sab mar 27, 2004 18:27
Messaggi: 3218
Località: Ancona
Conosco questa fantastica band grazie ad un mio buonissimo amico che me ne ha parlato all'inverosimile. Sono veramente grandiosi!
Dato che però non conosco bene la loro storia, penso che sia meglio appoggiarsi a chi ne sa di più. Per questo posto questo articolo tratto da http://www.sentireascoltare.com

Arcade Fire
di Stefano Solventi

Gli ingredienti sono ben riconoscibili, ma l’intruglio ha una potenza rara. L’intraprendenza volitiva e struggente, pittoriche scorribande folk wave al confine – talora oltre - con ciò che usiamo definire gotico e barocco. Gli immaginifici paradigmi degli Arcade Fire.

Tragedie, funerali e bibbie kitch
di Stefano Solventi

Vengono da Montreal, Quebec, porzione francofona del Canada. Tanti i musicisti e gli strumenti in gioco (pianoforti, chitarre, percussioni, archi, xilofoni, tastiere, arpa, corni, organi di varia natura…), ma il cuore della band è un duo, il compositore, chitarrista e cantante Win Butler - timbro tra il Wayne Coyne più onirico e lo Ian McCulloch più sdrucito - e Régine Chassagne, originaria di Haiti, sua compagna di vita, co-autrice dei pezzi, polistrumentista (fisarmonica, pianoforte, chitarra, mandolino, flauto…) nonché dotata di voce tra il soave e l’irrequieto, tanto da ricordare un po' la Bjork giovane e un po’ l’ultima e più languida Kazu Makino.
Poche band (tanto meno al debutto) hanno dato l’impressione di saper padroneggiare così bene i materiali stilistici. Con audacia, con trasporto, con entusiasmo travestito da mistero. Senza troppa voglia di nascondere le fonti d’ispirazione, che anzi vengono ostentate come attori importanti del gioco. Radici folk e angosce wave, spurghi elettrici e sdilinquimenti orchestrali, orizzonti psichedelici e teatralità glam, il tutto avvinghiato fino a confondersi, in un corroborante imbastardimento formale ed emotivo. Un po’ come l’alternanza tra francese e inglese, frutto di identità borderline nel cuore di una civiltà in bilico tra centro e periferia.

Immagine
Il 2003 è l’anno zero degli Arcade Fire. Régine e Win decidono di fare sul serio autoproducendosi l’Arcade Fire EP (2003), grazie al non certo piccolo aiuto di un bel po’ di concittadini musicisti. Sette tracce che prefigurano tutto il loro arsenale: in testa il profluvio esagitato e romantico di Old Flame (chitarrina e voce uggiolose, una ballata Patrick Wolf pungolata dai Flaming Lips), in coda gli indolenzimenti folk di Vampire/Forest Fire (ancora i Flaming, però in fregola Roy Orbison), in mezzo sbalestramenti stilistici già in grado di far girare la capoccia. Si va dal passo marzial-wave di No Cars Go (residui Talking Heads tra allarmi e suggestioni bucoliche) al friabile struggimento di Headlights Look Like Diamonds (col controcanto di Régine a scomodare una tensione catchy Sugarcubes), andando a parare dalle parti di certo soul stentoreo e sdrucciolevole in My Heart Is An Apple (più o meno il Neil Young di This Note’s For You sul punto di inciampare in un delirio lipsiano).
Tra incanto e bizzarria, malinconie senza requie ed enfasi madreperlacea, le canzoni si svolgono come brani di una lunga visionaria parabola, con la nostalgia wave sul punto di deflagrare epica (dalle parti degli Echo And The Bunnymen) ed il folk a caracollare saturo di rigurgiti psych e guizzi pop (7.0/10).
Immagine

Artifici e crepacuore

Sono soltanto i primi vagiti di un discorso sonoro in espansione, che riscuoterà entusiasmi un po’ ovunque (il dischetto, venduto brevi manu dagli stessi Win e Régine, andrà sold-out più o meno ad ogni data) e sponsor eccellenti (David Bowie e David Byrne sono tra i primi e più accaniti fan). L’anno successivo troverà una eclatante consacrazione: Funeral (Merge, 14 settembre 2004) si presenta come uno zibaldone, anzi un intruglio, anzi un ricettacolo di vecchi motori rombanti e proiettori che non smettono più di girare, di angolose traiettorie intellettuali e oniriche divinazioni, di fulgidi tremori e bieche luminarie, di modernità e abbandono, morte e vita a galoppo attraverso metaforici campi di battaglia. Eppure, tutto suona programmato, coeso, spinto da una corrente appassionata e lucida. Peregrinazioni filmiche tra lande romanticamente fosche, frenetiche, schizoidi. Come capita nei quattro episodi intitolati Neighborhood, opportunamente numerati e muniti di sottotitolo così da non perdersi tra spurghi wave guizzanti e vapori al neon, affettazioni d’organo e pianoforte, casse in quattro che si fanno largo nella bruma delle elettroniche e degli archi, nevrosi - ça va sans dire - Talking Heads e nevrastenie Frank Black, spiritelli - ovviamente - Flaming Lips e solennità Echo And The Bunnymen, mestizie Black Heart Procession e invasamenti PIL.

In un paio di circostanze è come se venisse dichiarata una tregua, e sono i momenti migliori: tocca all’ugola di Régine tratteggiare gli struggenti ideogrammi di In The Backseat, ballata di dolore stilizzato ed enfasi sospesa, ottima per chiudere la scaletta. La palma di miglior pezzo se l’aggiudica però Une Année Sans Lumière, per quel senso di quiete trepida, di artificio e crepacuore, di plastica e sabbia e periferie anni ottanta, un procedere dritto e afflitto basso-chitarra-synth che si sgretola sbatacchiando sulla wave serrata del finale. Una vera e propria poetica dell’artificio, potente e pervadente: si prenda il soul-rock in tre quarti di Crown Of Love (con fuga dance conclusiva Abba-style), i riff chitarristici pesanti ma agili di Wake Up (in un brodo di archi, synth e fisarmonica, come dei Neutral Milk Hotel presi in ostaggio dai Polyphonic Spree) e la wave cruda di Rebellion, che tra basso impellente e caligini radioattive sembra una tardiva cospirazione New Order-Sound. (7.4/10)

L’ordigno funziona a tal punto che… esplode. Eccome se esplode. Recensioni fragorose. Una pioggia di riconoscimenti (nomination ai Grammy e ai British Awards, vittoria del Juno Award). Gli U2 che li reclamano come opening act per il Vertigo Tour. Quindi, imprevedibile apoteosi mediatica, si ritrovano addirittura in copertina dell’edizione canadese di Time. Insomma, se Funeral non è un capolavoro è senz’altro un evento, forse quanto di meglio la musica pop potesse esprimere in tempi di reality e fiction, di vita che si avvita tra imitazione e mitizzazione di (ciò che è stato) vita.

Nuove strade (senza uscita)
Immagine
Chiaro che all'album successivo sarebbe toccato un compito come minimo arduo. Gli anglosassoni, che hanno bisogno di dare un nome a tutto, prima ipotizzano che la difficoltà a ripetere le buone prestazioni (per un atleta, per uno studente) sia una sindrome, poi la chiamano “sophomore jinx”. Ebbene, tutte cazzate per Win e Régine. Tra tour e impegni vari (memorabile l'esibizione al Coachella 2005 di fronte a 15000 persone, così come la collaborazione con Bowie impegnato a rileggere classici come Five Years e Life On Mars), ci mettono quasi tre anni per confezionare Neon Bible (Merge / Rough Trade, 6 marzo 2007), disco che non solo conferma in pieno la brillante vena della coppia, ma rilancia sul piano degli arrangiamenti e della personalità.

E’ come se tutta la sovrastruttura che dicevamo, quel bozzolo versicolore di riferimenti, quel paludamento di rimandi, venisse fatto sprofondare nella densa pozione sonora. Dalla voce di Win, più spessa e legnosa, alla sontuosa coltre degli archi, si avverte il tentativo di svincolarsi dalla facile riconoscibilità, accogliendo istanze più atmosferiche ed emotive che non formali. Gli Arcade Fire sembrano diventati una combinazione alchemica tra il romanticismo brusco dei Waterboys, l’ipertrofia orchestrale di certa Bjork o dei Sigur Ros o dei Mercury Rev e la crudezza dinoccolata dei Violent Femmes, ma se prima i riferimenti possedevano una flagranza al limite della citazione, oggi possiamo individuarli come sentori di riferimento d’un bouquet strutturato, punto di combustione melodico posto tra le nude radici e le fronde rigogliose, tra certo folk-blues gotico e terrigno ed il pop più sovraccarico e sofisticato.

Il tema della guerra, delle sue motivazioni e delle conseguenze, asperge su tutto un senso di angosciosa perdizione, di valori dissipati e ingannati, divorati da una cancerosa mancanza di buona fede, esemplificata dalla bibbia al neon che intitola il lavoro, al contempo sacra e sacrilega, sommo emblema di trascendenza kitch. Tra gli sfondi eniani della travolgente Keep The Car Running, la languida cupezza di Ocean Noise, il commosso crescendo orchestrale di Intervention, l’escalation crudo/nevrastenico di My Body Is A Cage e la felpata sordidezza della title track, si svolge un tragico e talora eccessivo paradigma moderno. Una parabola fastosa a cuore nero, schiacciata dalla tragedia imminente, road to nowhere (No Cars Go, recuperata dall’ep di esordio e opportunamente riarrangiata, sembra in effetti una febbrile rilettura del celebre pezzo delle teste parlanti) senza un barbaglio di speranza all’orizzonte. Un quadro in cui non resta che spendere al massimo la passione di vivere, coltivando ogni emozione, ogni palpito di vita, come un dono precario e perciò meraviglioso. (7.2/10)

Nel guazzabuglio del post-emul, vera e propria fucina dell’effimero glamour, gli Arcade Fire si distinguono per il sovraccarico emotivo ed esistenziale, per quel senso di ferita aperta nel ventre enfiato del presente, da cui cola – tra le altre cose – la loro musica. Col rischio di apparire ampollosi, velleitari. Oppure dei funesti poseur. Ma è un dazio che, personalmente, sono lieto di pagare.


Top
 

 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun dic 10, 2007 22:06 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
pablenji rulez :asd:

ho preso anche io i primi due lavori, non h avuto molto modo di ascoltarli ma no mi spiacevano affatto :sisi:

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [monografia] Arcade Fire
MessaggioInviato: lun feb 14, 2011 11:09 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 WWW  Profilo

Iscritto il: sab mar 27, 2004 18:27
Messaggi: 3218
Località: Ancona
Grammy Award agli Arcade Fire per il miglior album

e poi non dite che non vi avevo avvertito!


Top
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group  
Design by Muzedon.com  
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010