Il forum dei Drow, dei Vampiri e delle creature dell'oscurità
Oggi è mar mag 18, 2021 07:43

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 81 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: mer feb 16, 2011 19:14 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
Ancora una volta, il tuo corpo riposa sulla nuda pietra.
Non è solo per una questione di abitudine, di aver praticamente dimenticato cosa sia la comodtà di un letto, o il calore di una coperta. E' anche e soprattutto una questione di identità: il concetto stesso di civiltà, di quotidianità, cambia nella mente di un Risvegliato, e certe ovvietà, certe naturalezze nella mente del drow comune, non sono più tali, dopo la Notte.

Ancora una volta, il tuo riposo non è degno di chiamarsi tale.
Il confine tra sonno e veglia è sfumato, i tuoi sensi rimangono vigili anche quando gli occhi si chiudono per cercare il conforto di una sosta, o meglio, di una tregua.

Diversamente dalle altre volte però, il tuo destarti non è il fugace dissolversi del sonno, il risalire, dal galleggiare nel torpore alla cruda realtà della petrosa Valm Neira.

Questa volta i tuoi occhi si spalancano all'improvviso, ed è come se ti colpissero ad entrambe con sottili stiletti.
Un grugnito di rabbia, dolore e sorpresa tenta di fuggire dalla tua bocca, ma con tuo orrore si riempie di gelido liquido.
Serri le labbra per evitare che l'acqua ti finisca nei polmoni, e trattieni il fiato.
Solo adesso riacquisti un briciolo di lucidità, con il cuore che pompa forte per l'adrenalina.
Intorno a te solo buio totale, e acqua gelida in cui galleggi, sospeso.

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: gio feb 17, 2011 13:26 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mar set 23, 2008 21:38
Messaggi: 1683
Località: Calimport - San Mauro Pascoli
Maledicendo mentalmente chiunque abbia avuto la malsana idea di farmi questo sadico scherzo e giurandogli sofferenza eterna, ho il riflesso istintivo di dimenarmi selvaggiamente ottenendo il solo risultato di cozzare contro la ruvida roccia. Poi una scintilla di buonsenso mi permette di rilassarmi.
aria! devo respirare!

_________________
"Anything you can think to do, you can do. But not if you're looking at your character sheet for inspiration, because they can't possible outline every possible action, no matter how many powers you have."

Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: gio feb 17, 2011 13:36 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
Ti è alquanto difficile orientarti, e non riesci a capire dove sia "l'alto" e il "basso".
Il buio è completo e non hai punti di riferimento. La temperatura gelida dell'acqua inibisce la tua infravisione, se si eccettua il calore del tuo stesso corpo.
Quando riesci a calmarti allunghi le mani, ma dopo pochi centimetri trovi solo ruvida roccia in ogni direzione.
Solo dopo alcuni interminabili secondi individui con il tatto un pertugio sulla tua destra, ma è molto stretto e rischi di restare incastrato.

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: gio feb 17, 2011 15:14 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mar set 23, 2008 21:38
Messaggi: 1683
Località: Calimport - San Mauro Pascoli
Non riuscendo a intravedere altre speranze di salvezza, provo a passare nel pertugio, se non riesco mi tolgo la tunica e riprovo, mentre col pensiero impreco in tutte le lingue che conosco.

_________________
"Anything you can think to do, you can do. But not if you're looking at your character sheet for inspiration, because they can't possible outline every possible action, no matter how many powers you have."

Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: gio feb 17, 2011 17:02 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
Far passare la testa è facile, ma il resto del corpo fatica in quel cunicolo stretto e tortuoso, pieno di asperità.
Ti accorgi di sbattere spesso gomiti e ginocchia contro la pietra, anche se non senti il dolore: il freddo intenso dell'acqua sta penetrando velocemente nelle ossa, anestetizzandoti e rendendo i movimenti impacciati.

Passa un'altra manciata di secondi che sembra un'eternità, il cunicolo ti ha costretto ad alcune svolte impossibili, mentre i polmoni incominciano a bruciare e hai perso la sensibilità nelle dita.

Eppure all'improvviso ti sembra che dietro l'ennesima svolta ci sia una speranza.
E' un alone di tenue luce quello che vedi?
O è il delirio che s'insinua nella tua mente, prima di annegare?

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: ven feb 18, 2011 01:32 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mar set 23, 2008 21:38
Messaggi: 1683
Località: Calimport - San Mauro Pascoli
Incurante delle abrasioni che ricoprono ormai il mio corpo per intero, mi lancio a capofitto verso la luce con stampato in volto un sorriso fiducioso, sicuro di scamparla ancora una volta. La mia Regina non mi farà morire appena nato.

_________________
"Anything you can think to do, you can do. But not if you're looking at your character sheet for inspiration, because they can't possible outline every possible action, no matter how many powers you have."

Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: ven feb 18, 2011 11:49 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
Facendo ricorso alle briciole delle tue energie e supplicando la Dea Ragno, scivoli lungo gli ultimi metri del tunnel. La luminosità si fa più intensa, di un vivido colore blu elettrico che colora interamente l'acqua, eppure non ti ferisce gli occhi sensibili.
Improvvisamente sbuchi in uno spazio aperto. Il fondo non è visibile, e ti sembra di galleggiare in una pozza di luce.
Tuo malgrado non ti puoi permettere di soffermarti sulla bellezza dello scenario surreale in cui sei calato, i tuoi polmoni bruciano come fuoco e i tuoi arti sono pezzi di roccia insensibile attaccata al tuo corpo sempre più debole: se dovessi cedere, coleresti a fondo nel blu come un sasso inerte.
Punti deciso verso l'alto con le ultime, disperate bracciate, dove la luce pare più intensa, oltre la superficie.

Aria! Finalmente aria!

Inspiri a gran forza, con tale violenza che non puoi trattenere un successivo urlo di dolore mescolato al sollievo, che riecheggia estraneo nelle tue orecchie ancora piene di liquido.
Quasi inconsapevolmente ti aggrappi al bordo roccioso della pozza in cui sei sbucato, tossisci forte, e solo per caso il tuo sguardo cade sulla pelle delle braccia, dove l'acqua che scorre via trascina con sé il sangue che sgorga dai numerosi tagli ed escoriazioni. Sei certo che anche il resto del tuo corpo non è in condizioni migliori.
Per sfuggire al freddo ti trascini carponi sulla roccia nera, respirando affannosamente, e solo allora sollevi lo sguardo verso il luogo in cui sei arrivato.

Attorno a te una caverna delle dimensioni di una grande sala: la volta sopra la tua testa e le pareti sono completamente ricoperte da ragnatele, interrotte soltano da stalattiti che, qua e là, sbucano dall'intrico setoso.
Anche dal pavimento spuntano numerose stalagmiti, alcune sottili ed acuminate, altre tozze e torreggianti.
Ma sono le ragnatele che attirano il tuo sguardo e il tuo stupore, poiché esse brillano di luce propria, colorando l'ambiente del blu elettrico che ti ha condotto sin qui.

Immagine


Spoiler: Visualizza

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: ven feb 18, 2011 18:21 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mar set 23, 2008 21:38
Messaggi: 1683
Località: Calimport - San Mauro Pascoli
Con gli occhi intrisi di meraviglia mi sdraio a pancia in su sulla roccia, per godere appieno dello spettacolo che mi si presenta intorno mentre riprendo fiato. Ringrazio Lloth per avermi condotto in quel luogo che rispecchia la sua grandezza ad un prezzo così irrisorio.

Oh mia Dea, la pietra più aguzza e l'acqua più gelida non sono niente in confronto alla tua magnificenza.

E cosa c'è di meglio di un bagno fresco per svegliarsi la mattina? Dii hi hi hi

Un brivido mi percorre la schiena mentre mi alzo faticosamente e mi avvicino alle pareti, per esaminare da vicino le luminose opere d'arte che adornano la stanza.

_________________
"Anything you can think to do, you can do. But not if you're looking at your character sheet for inspiration, because they can't possible outline every possible action, no matter how many powers you have."

Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: lun feb 21, 2011 11:08 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
Con un po' di attenzione per via del suolo accidentato di questa caverna, ti allontani dalla pozza d'acqua per avvicinarti alle pareti. Puoi così notare il leggerissimo movimento ondulatorio delle ragnatele, mosse da una impercettibile brezza che puoi sentir scorrere sulla pelle bagnata.
Il silenzio è totale in questo luogo, spezzato dal fruscio dei tuoi passi, e dalle goccioline che si staccano dal tuo corpo e cadono a terra.
Ora che sei così vicino alle ragnatele è però un altro dettaglio ad attirare la tua attenzione: qua e là, attaccati ai fili vischiosi e luminescenti, piccoli scheletri giacciono pendenti in posizioni scomposte.
Scheletri di minuscoli drider, pochi centrimetri di dimensioni, con le lunghe zampe e l'esoscheletro dell'addome perfettamente riconoscibili sotto la cassa toracica, le braccia e il cranio da umanoide.

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: lun feb 21, 2011 13:56 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mar set 23, 2008 21:38
Messaggi: 1683
Località: Calimport - San Mauro Pascoli
Uuuh huhuhu

Una risata di scherno mi esce dalla bocca dopo l'iniziale stupore, mentre allungo la mano verso uno dei piccoli, teneri, scheletrini. Ne prendo uno, la testa tra indice e pollice della mancina, con la delicatezza che un elfo di superficie riserverebbe al suo primogenito. Non si stacca. Avanti vieni da paparino. Impiegando un briciolo di forza in più provo a tirare ripetutamente, Ho detto vieni da meee!!!poi più forte, più forte, finchè il piccolo teschio non si stacca direttamente dalla minuscola spina dorsale e mi rimane tra le dita.

Nuuuu

Lo sguardo corrucciato si tramuta in una smorfia rabbiosa mentre chiudo l'intera mano destra sul resto del corpo e lo stacco con violenza dalla ragnatela luminosa. Annuisco una sola volta, decisamente e con arroganza. L'hai voluto tu.
Apro la mano destra, parallela al suolo e comincio ad esaminare il corpicino - o quel che ne resta - poi la mia attenzione passa al teschietto che tengo alto, vicino agli occhi, ed esamino anche contro luce. Chissà come potevano esistere creaturine così minuscole, e soprattutto, perchè hanno subito una morte così prematura questi simboli del tocco di Lloth? Rimuginando tra me le possibili risposte, ripongo lo scheletrino nella tasca da cintura con le monete e mi accingo a cercare l'origine della brezza che dona alle ragnatele quei movimenti sinuosi.

_________________
"Anything you can think to do, you can do. But not if you're looking at your character sheet for inspiration, because they can't possible outline every possible action, no matter how many powers you have."

Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: lun feb 21, 2011 14:38 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
Per quanto tu possa riflettere sullo strano ritrovamento, non trovi alcuna razionale spiegazione a quanto hai di fronte ai tuoi occhi.
Per quel che ne sai, i drider sono il frutto di una maledizione di Lloth, esseri abbietti e indegni, e una fine terribile per qualunque drow.
La loro visione ti sgomenta e disgusta allo stesso tempo, e spezza l'estasi sublima suscitata in te dallo spettacolo delle ragnatele. Una contraddizione in termini che non riesci a spiegarti.

Cerchi di mettere ordine ai tuoi pensieri, e sposti l'attenzione sull'ambiente che ti circonda, cercando di rintracciare il sottile flusso di aria che fa danzare i fili blu. Ma non trovi logica nei movimenti dei filamenti, che ora si spostano in una direzione, ora in un'altra, e anche la sensazione che ti comunica la pelle ancora umida è straniante e contraddittoria.
L'aria, un respiro appena impercettibile, vortica caotica nella grande caverna, le dona un'anima, ma nessuna coerenza.

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: lun feb 21, 2011 18:34 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mar set 23, 2008 21:38
Messaggi: 1683
Località: Calimport - San Mauro Pascoli
Si, Davvero bello questo posto, ma non vorrei che diventasse la mia tomba...avanti Rah! Cerca più attentamente.

Così pensando, cerco più accuratamente una via d'uscita.

Non vorrei dover ricorrere al coltello per aprirmi un varco tra queste bellissime opere d'arte.

_________________
"Anything you can think to do, you can do. But not if you're looking at your character sheet for inspiration, because they can't possible outline every possible action, no matter how many powers you have."

Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: lun feb 21, 2011 18:52 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
Prendi un lungo respiro, cercando una soluzione a questo mistero. Le ragnatele si alternano in modo del tutto casuale, e così le protuberanze rocciose che pendono dalla volta o s'innalzano dal pavimento.
I minuti trascorrono lunghi, ma non noti alcuna variazione di luce, colore o temperatura che ti sia di qualche aiuto.
Fai passare ogni metro di terreno calpestabile, ma senza successo.
Incominci ad innervosirti quando, improvvisamente, odi chiaramente un doloroso e breve lamento echeggiare nella grotta.

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: mar feb 22, 2011 13:35 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mar set 23, 2008 21:38
Messaggi: 1683
Località: Calimport - San Mauro Pascoli
Mi guardo intorno circospetto. Estraggo silenziosamente un pugnale dalla cintura, avvicinandomi furtivo verso la sorgente del suono.

_________________
"Anything you can think to do, you can do. But not if you're looking at your character sheet for inspiration, because they can't possible outline every possible action, no matter how many powers you have."

Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Rahfeldin'loth] Prologo - Il colore del sangue
MessaggioInviato: mar feb 22, 2011 14:18 
Non connesso
Miglior Avatar Natalizio
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer giu 27, 2007 11:02
Messaggi: 3932
Località: Bergamo
Con circospezione compi silenziosi passi verso la parete alla tua sinistra, e solo adesso, tutt'ora con grande fatica, tra i filamenti elettrici scopri uno stretto cunicolo all'altezza delle tue spalle, che penetra nella roccia sparendo nel ventre della terra.
Un leggerissimo alito di aria calda ne esce ad intermittenza.
Volendo puoi entrarci, ma dovresti procedere strisciando.

_________________
Immagine

"Beauty is in the Eye of the Beholder"
Margaret Wolfe Hungerford


Top
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 81 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group  
Design by Muzedon.com  
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010