Il forum dei Drow, dei Vampiri e delle creature dell'oscurità
Oggi è sab mag 08, 2021 14:59

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 41 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: gio mar 13, 2008 18:42 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
No no non ci siamo

Posto che Il Labirinto del Fauno non è un mero fantasy da gnomi, elfi e "re figo che comanda e sono tutti contenti perchè lui è giusto anche se vive in un palzzo d'oro e gli altri in catapecchie".... ma si BASA ESATTAMENTE sul contesto storico effettivamente verificatosi in Spagna.

Ed infattiè da lì che parte la costante strizzata d'occhio allo spettatore (che rende il film gradevole e non sciocchino) sul fatto che le "visioni" della bambina potrebbero si essere reali, ma, più evidentemente, il frutto del suo rifugiarsi in un mondo fantastico per sfuggire agli orrori della guerra (in corso in spagna proprio in quel momento storico, prima cioè che il Franchismo si consolidasse definitivamente).

Cita:
un bambino che guarda il film, sicuramente rimarrà colpito dagli eroi romantici che nascosti nel bosco combattono per la libetà, a discapito del despota freddo e crudele che, maltrattando la bambina, la accompagna alla morte.


E scusami se, per una volta, un film ha anche uno scopo "educativo" o ("propulsivo se vuoi), posto che non mi indigna affatto che un bambino (per quanto il film sia chiaramente destinato ad un pubblico più maturo) propenda NATURALMENTE per un combattente per la libertà, piuttosto che per un (come lo chiami tu) "despota freddo e crudele". CI MANCHEREBBE PURE!

Attenzione: a parlare così è il Signore di Necropolis, uno che da sempre (sin da Jafar e ancor prima nel tempo con la Strega di Biancaneve o qualunque cattivo da cartoon) è stato e sta dalla parte di tuti i cattivoni DOC che si rispettino.

MA

un conto è il cattivone doc, romanticamente intriso di malvagità e di charme, proteso alla conquista contro i buoni gay che giocano ad armi tendenzialmente pari (in un mondo in cui si sorvola volutamente e semplicisticamente sul prezzo che paga la gente comune); un altro è mettersi dalla parte del cattivo a prescindere o, meglio, farlo nella realtà storica... dove i cattivi (alla Hitler o Mussolini o Mao Tse Tungo Stalin se vuoi) di charmant avevano ben poco, tutt'altro: salvo ovviamente non voler per qualche motivo sorvolare sugli aspetti più biechi del loro comportamento e focalizzarci sul perverso fascino che queste figure, la loro simbologia, le loro perverse ricerche mitiche possono in alcuni suscitare. Il che è un'altra cosa (per quanto, ritengo sia difficile da scindersi la cosa e soprattutto sostenerla)

Quando dici "siamo alle solite" francamente (:asd:gioco di parolissime) un pizzico mi stupisco, posto che significa che, per non essere alle solite, si sarebbe dovuto prospettare il freddo padre/padrone gerarca franchista come un bravo e pio cittadino, quando, evidentemente, un combattente al soldo di un leader che pretese (e ci riuscì!) di prendere il potere con la forza... mmm... scarsamente si può qualificare come orsetto della felicità.

Vero poi, se vogliamo, che anche tra le fila dei ribelli ci saranno stati ladri, tagliagole o poco di buono, chi lo nega!.
MA, se permetti, a parametro zero, è più verosimile creare una figura "oscura" quale il gerarca oppressore (in tal modo mantenendo sicuro legame con la realtà storica accertata oltretutto!!!) piuttosto che presentare in tal guisa un tizio che combatte per il princicipo "voglio autodeterminarmi, chi sei tu per arrivare bello bello e dire: qui comando io perchè l'ho detto io!"

E scuserai se è poco
E sì, siamo alle solite e dovremmo essere alle solite un po' più spesso, se vogliamo mantenere vigile il senso critico e lo spirito "controllore" dell'opinione pubblica, posto che, ogni volta che l'opinione pubblica se ne è sbattuta di quel che facevano i suoi regnanti, la storia ci ha allietato con l'emersione non del fico Saruman o del Cavaliere Nero, ma con l'affermazione di dittature, fondamentalismi, corruzione, clientelarismo e qualunque bassezza di cui gli esseri umani (che non sono quelli di GONDOR trasfigurati dal buon Tolkien, ma quelli di Porta a Porta et similaria) tendono a macchiarsi quando sono a briglia sciolta e senza controllo

Un conto è sognare il dittatore buono e illuminato, dispotico e fermo quanto basta dei fantasy, un conto è fare la sciocchezza di pensare che essi possano esistere

E, per concludere, ch il regista volesse ambientare il film sub dittatura Messicana o Spagnola, poco mi importa, posto che non vivo nel paese delle fate e per fare un film capisco che i soldi servono: ma cmq scegliere come substrato un background così critico e spesso come la dittatura, che sia belga, russa o nigeriana, BEN VENGA!

Cmq anche LA SPINA DEL DIAVOLO (film meno pregiato a mio dire, ma godibile per quell'ambientazione concreta e "vera" dei film spagnoli in generale) ha la medesima ambientazione e vede in figure autoritarie, ignoranti e prevaricatrici (mm, l'humus in cui spesso maturano i seguaci del capobranco che è forte e si segue perchè comanda) i cattivi... i quali poi, senza scomodare la realtà di tutti i iorni, sono i veri cattivi che i bambini si trovano a fronteggiare (pedofili, violenti e quant'altro), che hanno la forma del padre padrone del Labirinto del Fauno, più che la forma del Lupo Cattivo di Cappuccetto rosso


Detto questo, fino a che il discorso rimane ancorato al film, altro che OT... siamo in perfetto topic ;) [e in quanto tale MERITA ogni contributo ed ogni idea] ed anzi, se ha la forza di stimolare una simile discussione, significa che cmq ha colto un bersaglio

Quale poi, a ciascuno definirlo
Oscuri Saluti

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: gio mar 13, 2008 20:57 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 ICQ  Profilo

Iscritto il: sab feb 28, 2004 21:16
Messaggi: 6638
Località: Palermo
Hum non so se si capiva, visto che mi esprimo a monosillabi gutturali, ma parlando di Del Toro che ha cambiato ambientazione ai suoi film per prendere i sordoni non davo un valore negativo alla cosa. I messicani stessi sono scontenti del fatto che da loro ci siano pochi finanziamenti, ma non se la prendono certo con Del Toro :asd:

Lo citavo più che altro per far capire a Varg che il film non è certo di propaganda comunista :sisi:
Al massimo anti-dittatoriale, ma non ci sono molti film a favore delle dittature :sisi:

_________________
Immagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: gio mar 13, 2008 21:55 
Non connesso
 Profilo

Iscritto il: mar lug 19, 2005 20:23
Messaggi: 94
MasterMind ha scritto:
No no non ci siamo

Posto che Il Labirinto del Fauno non è un mero fantasy da gnomi, elfi e "re figo che comanda e sono tutti contenti perchè lui è giusto anche se vive in un palzzo d'oro e gli altri in catapecchie".... ma si BASA ESATTAMENTE sul contesto storico effettivamente verificatosi in Spagna.

Ed infattiè da lì che parte la costante strizzata d'occhio allo spettatore (che rende il film gradevole e non sciocchino) sul fatto che le "visioni" della bambina potrebbero si essere reali, ma, più evidentemente, il frutto del suo rifugiarsi in un mondo fantastico per sfuggire agli orrori della guerra (in corso in spagna proprio in quel momento storico, prima cioè che il Franchismo si consolidasse definitivamente).

Cita:
un bambino che guarda il film, sicuramente rimarrà colpito dagli eroi romantici che nascosti nel bosco combattono per la libetà, a discapito del despota freddo e crudele che, maltrattando la bambina, la accompagna alla morte.


E scusami se, per una volta, un film ha anche uno scopo "educativo" o ("propulsivo se vuoi), posto che non mi indigna affatto che un bambino (per quanto il film sia chiaramente destinato ad un pubblico più maturo) propenda NATURALMENTE per un combattente per la libertà, piuttosto che per un (come lo chiami tu) "despota freddo e crudele". CI MANCHEREBBE PURE!

Attenzione: a parlare così è il Signore di Necropolis, uno che da sempre (sin da Jafar e ancor prima nel tempo con la Strega di Biancaneve o qualunque cattivo da cartoon) è stato e sta dalla parte di tuti i cattivoni DOC che si rispettino.

MA

un conto è il cattivone doc, romanticamente intriso di malvagità e di charme, proteso alla conquista contro i buoni gay che giocano ad armi tendenzialmente pari (in un mondo in cui si sorvola volutamente e semplicisticamente sul prezzo che paga la gente comune); un altro è mettersi dalla parte del cattivo a prescindere o, meglio, farlo nella realtà storica... dove i cattivi (alla Hitler o Mussolini o Mao Tse Tungo Stalin se vuoi) di charmant avevano ben poco, tutt'altro: salvo ovviamente non voler per qualche motivo sorvolare sugli aspetti più biechi del loro comportamento e focalizzarci sul perverso fascino che queste figure, la loro simbologia, le loro perverse ricerche mitiche possono in alcuni suscitare. Il che è un'altra cosa (per quanto, ritengo sia difficile da scindersi la cosa e soprattutto sostenerla)

Quando dici "siamo alle solite" francamente (:asd:gioco di parolissime) un pizzico mi stupisco, posto che significa che, per non essere alle solite, si sarebbe dovuto prospettare il freddo padre/padrone gerarca franchista come un bravo e pio cittadino, quando, evidentemente, un combattente al soldo di un leader che pretese (e ci riuscì!) di prendere il potere con la forza... mmm... scarsamente si può qualificare come orsetto della felicità.

Vero poi, se vogliamo, che anche tra le fila dei ribelli ci saranno stati ladri, tagliagole o poco di buono, chi lo nega!.
MA, se permetti, a parametro zero, è più verosimile creare una figura "oscura" quale il gerarca oppressore (in tal modo mantenendo sicuro legame con la realtà storica accertata oltretutto!!!) piuttosto che presentare in tal guisa un tizio che combatte per il princicipo "voglio autodeterminarmi, chi sei tu per arrivare bello bello e dire: qui comando io perchè l'ho detto io!"

E scuserai se è poco
E sì, siamo alle solite e dovremmo essere alle solite un po' più spesso, se vogliamo mantenere vigile il senso critico e lo spirito "controllore" dell'opinione pubblica, posto che, ogni volta che l'opinione pubblica se ne è sbattuta di quel che facevano i suoi regnanti, la storia ci ha allietato con l'emersione non del fico Saruman o del Cavaliere Nero, ma con l'affermazione di dittature, fondamentalismi, corruzione, clientelarismo e qualunque bassezza di cui gli esseri umani (che non sono quelli di GONDOR trasfigurati dal buon Tolkien, ma quelli di Porta a Porta et similaria) tendono a macchiarsi quando sono a briglia sciolta e senza controllo

Un conto è sognare il dittatore buono e illuminato, dispotico e fermo quanto basta dei fantasy, un conto è fare la sciocchezza di pensare che essi possano esistere

E, per concludere, ch il regista volesse ambientare il film sub dittatura Messicana o Spagnola, poco mi importa, posto che non vivo nel paese delle fate e per fare un film capisco che i soldi servono: ma cmq scegliere come substrato un background così critico e spesso come la dittatura, che sia belga, russa o nigeriana, BEN VENGA!

Cmq anche LA SPINA DEL DIAVOLO (film meno pregiato a mio dire, ma godibile per quell'ambientazione concreta e "vera" dei film spagnoli in generale) ha la medesima ambientazione e vede in figure autoritarie, ignoranti e prevaricatrici (mm, l'humus in cui spesso maturano i seguaci del capobranco che è forte e si segue perchè comanda) i cattivi... i quali poi, senza scomodare la realtà di tutti i iorni, sono i veri cattivi che i bambini si trovano a fronteggiare (pedofili, violenti e quant'altro), che hanno la forma del padre padrone del Labirinto del Fauno, più che la forma del Lupo Cattivo di Cappuccetto rosso


Detto questo, fino a che il discorso rimane ancorato al film, altro che OT... siamo in perfetto topic ;) [e in quanto tale MERITA ogni contributo ed ogni idea] ed anzi, se ha la forza di stimolare una simile discussione, significa che cmq ha colto un bersaglio

Quale poi, a ciascuno definirlo
Oscuri Saluti

Evidentemente non riesco a farmi capire...amen!
Cmq per riassumere due cose:
1)ripeto non credo in buoni o cattivi...la mia era una battuta, quando mi riferisco che tendenzialmente sto con i cattivi...Non credo che Hitler fosse un cattivo, anzi, non credo che Mussolini fosse un cattivo, anzi, non credo che Stalin fosse un cattivo, anzi, lo stesso per mao ecc. ecc., credo che siano semplicemente usati spesso e volentieri come capro espiatorio, che si analizzi sempre una faccia della medaglia, per comodità morale, infangando e ben oltre la realtà.
2)Il film non mi è piaciuto perchè lo visto politicamente fazioso, e di un buonismo stomachevole...gusti, che vi devo dire.Di certo i suddetti ribelli (e che i veri ribelli non me ne vogliano)rimandano a un concetto opinabile...e non sono mai in accordo con chi affronta una tematica politca sfruttando un contesto apparentemente diverso.

In sintesi, sebbene mi intrigasse il rifugiarsi della bambina nel mondo fantasioso, non mi è piaciuto il bene e il male scelto in maniera così arbitraria...

Poi ripeto son gusti, non sono un fan del fantasy, quindi se vogliamo il risultato di non trovarmi elfi, fate, guerrieri, ecc. ecc., l'ho accolto molto bene, però il solito polpettone moralista speravo di evitarmelo.

Magari la sera che l'ho visto ero semplicemente incazzato di mio e ho notato solo le componenti per me negative!

_________________
Nobis!
ImmagineImmagine


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: ven mar 14, 2008 10:45 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis

Preciso anche io Mr. Varg, qulora non si fosse capito, che la riflessione è nata sulle mose dalle tue parole, le quali cmq esprimevano (ed è/era evidente) solo un tuo gusto personalissimo (e pertanto apprezzabilissimo) del film; era inoltre evidente che si trattava soplo di un giudizio "qualitativo" senza alcun doppio o triplo senso :)

Diciamo che s'è approfittato per alcune riflessioni come trampoliono di lancio per dire altro, non certo che le mie parole dovessero essere indirizzate a te, tutt'altro

Ed anzi, quando non siamo tutti d'accordo su un film, se vedete (un esempio che su 2 piedi mi sovviene recente è Cloverfield) i topic diventano molto più interessanti da leggere piuttosto che una serie di monosillabici "fico" "yohhh" "m'ha ganzato" etc...

E quando c'è un simile scambio di idee (soprattutto su questo tipo di temi che esulano dal mero fantasy), sinceramente mi esalto alquanto, posto che è uno dei motivi per cui ho accettato di gestire la sezione

Quindi grazie per aver giocato con noi e per il confronto e, sì Mastro Khelden, a volte siete così criptico che davvero non si riesce a capire il enso di quel che dite... ma ci piacete anche per questo :asd:

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: ven mag 20, 2011 10:34 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mag 18, 2011 15:46
Messaggi: 37
Località: a me lo chiedi?
Ricordo di averlo visto qualche settimana fa, dopo un bel pò di tempo che pensavo di vedermelo (dopo aver letto sul retro del dvd "fantahorror" e aver visto il costume del fauno)

è sicuramente un film diverso dal solito, da VEDERE assolutamente!
non il fantasy (a mio parere stupidino) alla Narnia...stavolta siamo davanti ad un piccolo gioiellino da prendere sul serio, non da vedere perchè non si ha niente di meglio da fare!

Poi se posso mettere il becco nel discorso di prima sulla propaganda, il buonismo ecc ecc non penso che sia la componente più importante del film, l'ambientazione storica fa da sfondo, per giustificare l'entrata della bimba in questo mondo immaginario...e per arrivare ad una cosa del genere deve essere proprio brutto!

il capo di famiglia non è da prendere come un rappresentante della dittatura, è uno psicopatico per conto suo, se per un motivo o per un altro stava con i ribelli faceva lo st***zo pure stando dalla loro parte! è proprio fuori di testa, sadico, egocentrico e per pura s***a la bimba se lo ritrova come padre!
Spoiler: Visualizza


per cui io non ho percepito così tanto la componente politica e/o storica, a me sembrava facesse da sfondo per guistificare il rifugiarsi della bambina in questo mondo fantastico.

Che poi anche questo ti lascia il punto di domanda comunque, perchè come amico immaginario con cui rifugiarsi al sicuro dagli orrori della realtà si sceglie un tipo proprio inquietante, con prove schifose/paurosissime

Spoiler: Visualizza


per cui per tutto il film tu rimani in sospeso, un attimo pensi sia lei ad immaginarsi tutto, e un attimo dopo ti viene il dubbio che magari invece sia tutto vero!


consigliatissimo quindi per chi volesse vede qualcosa di diverso dal solito! :D

_________________
Immagine
J: non ci coglieranno di sorpresa
A: molti di coloro che ho ucciso dicevano quella stessa frase
J: aaah, allora sono fortunato ad averti come alleato!
A:...dicevano anche questo...


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: ven mag 20, 2011 13:33 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: gio apr 01, 2004 18:20
Messaggi: 5694
Località: Altopiano di Leng
C'era un piccolo indizio a favore del "non è un trip della bambina"

Spoiler: Visualizza

_________________
"[...]vedete dei marinai che stanno scaricando delle tasse..."
-Grande Pacho 'M Hell-


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: ven mag 20, 2011 13:45 
Non connesso
Avatar utente
 WWW  ICQ  Profilo

Iscritto il: gio mag 03, 2007 02:05
Messaggi: 14507
Località: Manduria - Roma (molto poca)
Forse quando ho commentato il film all'epoca non sono sembrato abbastanza entusiasta, perciò adesso intendo confermare il mio entusiasmo.

_________________
Amore è la legge, amore sotto la volontà

Ogni uomo ed ogni donna è una stella.


Liber AL vel Legis


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: sab mag 21, 2011 08:37 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun apr 21, 2008 02:45
Messaggi: 1933
Località: Il mondo bidimensionale
La ragione principale per cui in passato ho parlato bene di Guillermo Del Toro era prevalentemente dovuta al fatto che ha girato questo film.

_________________
Non siamo che polvere e ombra.
(Orazio)


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: dom mag 22, 2011 04:56 
Non connesso
Signore di Necropolis
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: mer mar 24, 2004 14:59
Messaggi: 9776
Località: Necropolis
quoto miss illusoria del tutto
mi sono già espresso sul punto in questo topic, in ogni caso anche "la spina del diavolo" perita una menzione pur se (a mio parere) non all'altezza del labirinto, più embrionale, con alcuni spunti ma ancora da sviluppare :inchino:
Come per ogni cosa, ovviamente potendo, lo consiglio in lingua (eventualmente sottotitolato per chi non ha familiarità con lo spagnolo)

_________________
ImmagineWhat if I say I’m not like the others
What if I say I’m not just another one of your plays
You’re the pretender
What if I say I will never surrender


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: dom mag 22, 2011 16:46 
Non connesso
Avatar utente
 WWW  ICQ  Profilo

Iscritto il: gio mag 03, 2007 02:05
Messaggi: 14507
Località: Manduria - Roma (molto poca)
La spina del diavolo è un signor film, mi ha colpito moltissimo, ma non dico altro per non ottare

_________________
Amore è la legge, amore sotto la volontà

Ogni uomo ed ogni donna è una stella.


Liber AL vel Legis


Top
 

 Oggetto del messaggio: Re: Il Labirinto del Fauno
MessaggioInviato: dom giu 05, 2011 21:16 
Non connesso
Avatar utente
 Profilo

Iscritto il: lun apr 21, 2008 02:45
Messaggi: 1933
Località: Il mondo bidimensionale
La Spina del diavolo ve lo raccomando.
Sempre di G. Del toro c'è da segnalare Cronos: un film decisamente meno conosciuto ma che vale la pena di vedere. Sotto certi aspetti è piuttosto embrionale e girato con pochi mezzi ma tratta una tematica interessante.

_________________
Non siamo che polvere e ombra.
(Orazio)


Top
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 41 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group  
Design by Muzedon.com  
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010